Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

La necessaria comprensione dell’opera di Dio nell’Età della Grazia

125

Gesù,croce

Sermoni e comunicazioni

Se possiamo meditare seriamente sulle parole di Dio Onnipotente che rivelano il significato e l’essenza della Sua opera durante l’Età della Grazia, saremo pienamente in grado di riconoscere che l’opera del Signore Gesù nell’Età della Grazia era l’opera di redenzione, l’opera di espiazione per l’umanità corrotta. Le parole e l’opera del Signore Gesù durante l’Età della Grazia erano interamente incentrate sull’opera di redenzione e tutto aveva lo scopo di fare in modo che le persone accettassero Gesù come loro Salvatore, si presentassero innanzi a Dio per riconoscere tutti i loro peccati, ottenessero il Suo perdono e fossero in grado di affidarsi alla grazia di Dio per vivere al Suo cospetto. Tutto aveva lo scopo di fare in modo che le persone fossero in grado di godere di tutta la grazia e le benedizioni concesse loro da Dio, dopo essersi volte verso di Lui, per riconoscere che Egli è un Dio di misericordia e di amore, per pregarLo frequentemente, adorarLo per vivere nella grazia e nelle benedizioni da Lui elargite. Tutto aveva lo scopo di avere persone che diffondessero il Vangelo e rendessero testimonianza alla salvezza di Dio, dopo aver riconosciuto che Gesù Cristo è il Salvatore, poter fare propria la promessa di Gesù e sapere come prepararsi per ottenere la salvezza degli ultimi giorni. Questo è sufficiente per far vedere alle persone che ciò che fece il Signore Gesù durante l’Età della Grazia fu interamente l’opera di redenzione dell’umanità. … Non solo il Signore Gesù rappresentò un sacrificio espiatorio per l’umanità corrotta e grazie a quel singolo atto Egli perdonò i peccati del genere umano per l’eternità, ma insegnò inoltre alle persone molte verità dell’Età della Grazia affinché si amassero l’un l’altro, si tollerassero a vicenda, perdonassero gli altri settanta volte sette, così come che perdonassero gli altri per sempre, che pregassero per i loro nemici e che amassero gli altri come sé stessi. Non solo Egli non abolì le leggi e i comandamenti, ma perfezionò l’opera dell’Età della Legge, di modo che tutti coloro che accettavano l’opera di redenzione del Signore Gesù potessero riunirsi adeguatamente e pregare Dio, adorarLo, diffondere il Vangelo ed essere Suoi testimoni – ovvero rendere testimonianza. Risulta evidente che l’opera di Dio durante l’Età della Grazia era interamente costruita sulle fondamenta della Sua opera durante l’Età della Legge. Il Signore Gesù divenne veramente un sacrificio espiatorio e realizzò l’opera di redenzione dell’umanità e con una singola azione perdonò per l’eternità tutti i peccati del genere umano nel resistere a Dio, abilitandolo a venire innanzi a Dio, pregarLo e adorarLo. Tuttavia, che il Signore Gesù sia un sacrificio espiatorio non equivale a salvare completamente l’umanità e a completare il piano di gestione di Dio. Nella religione cristiana, ci sono molte persone che credono che le parole del Signore Gesù sulla croce: “È compiuto” significassero che Egli aveva già completato l’opera di Dio di salvezza dell’umanità. Ciò non è corretto – non è niente più che una nozione e una fantasia umana, che mostra come le persone non comprendano un briciolo dell’opera di Dio. Se l’opera di redenzione di Gesù avesse già salvato completamente l’umanità, allora le persone religiose oggi non pregherebbero né ammetterebbero costantemente i loro peccati e le principali confessioni non sarebbero così depresse e desolate come sono attualmente. Né certamente il Signore Gesù direbbe: “Io vengo tosto”. Solo il ritorno del Signore Gesù, l’opera di Dio Onnipotente di giudizio e castigo degli ultimi giorni sono l’opera completa di salvezza dell’umanità. Attraverso il giudizio e il castigo, la potatura e il trattamento, le prove e il raffinamento, Dio Onnipotente sta risolvendo il problema della corruzione dell’umanità, affinché essa possa liberarsi totalmente dai vincoli e dalle catene dell’influenza di Satana e diventare un popolo che obbedisca a Dio e Lo adori perché Lo conosce davvero. I fatti sono sufficienti a dimostrare che l’opera di redenzione del Signore Gesù stava solo preparando il terreno a Dio per salvare completamente l’umanità negli ultimi giorni, e solo accettando la Sua opera degli ultimi giorni le persone possono ottenere la salvezza completa. Questo è un fatto assolutamente incontrovertibile.

L’opera di redenzione del Signore Gesù ampliò rapidamente l’ambito dell’opera di Dio in Israele e lo estese completamente al mondo pagano e fino alle estremità della terra. È così che l’opera di Dio si diffuse da Israele al mondo intero durante l’Età della Grazia e molte persone di ogni nazione e regione vennero al cospetto di Dio, Lo pregarono e Lo adorarono. Il Suo nome si è diffuso in ogni nazione e regione. Da ciò risulta evidente che il piano di gestione di Dio per salvare l’umanità era già stata completata per metà, preparando nel contempo il terreno per l’opera di Dio negli ultimi giorni.

Se il significato sostanziale dell’opera di Dio durante l’Età della Grazia dovesse essere riassunto in una frase, sarebbe che “Dio incarnato Si fece sacrificio espiatorio per l’umanità corrotta, al fine di redimere il genere umano”. Il significato sostanziale più prominente dell’opera dell’Età della Grazia è quello di “redenzione”.

da “Solo le tre fasi dell’opera di Dio rappresentano la Sua opera completa per salvare l’umanità” in Raccolta di sermoni – Provvista per la vita

Contenuti correlati

  • L’Età della Legge: Il contenuto e il risultato dell’opera di Dio

    Dopo la creazione dell’umanità, in principio, furono gli israeliti a fungere da fondamento dell’opera, e l’intero Israele fu la base dell’opera di Jahvè in terra. L’opera di Jahvè serviva a guidare e pascere l’uomo, stabilendo le leggi affinché egli potesse vivere una vita normale e adorare Jahvè in maniera normale in terra.

  • Perché si dice che l’Età del Regno sia l’Età della Parola?

    Nell’Età del Regno, Dio usa la parola per annunciare una nuova era, per cambiare i mezzi della Sua opera e per compiere l’opera per l’intera età. Questo è il principio con il quale Dio opera nell’Età della Parola. Egli Si fece carne per parlare da punti di vista diversi, permettendo all’uomo di vedere realmente Dio, che è la Parola che appare nella carne, come pure la Sua saggezza e la Sua meraviglia.

  • Il nome di Dio durante l’Età della Legge era Jahvè

    “Jahvè” è il nome che ho preso durante la Mia opera in Israele, e significa il Dio degli Israeliti (popolo eletto di Dio), che può avere pietà degli uomini, maledirli e guidare la loro vita. Significa che Dio possiede un grande potere ed è pieno di saggezza

  • Perché Dio Si incarnò per svolgere la Sua opera durante l’Età della Grazia?

    Se Dio non Si fa carne, rimane lo Spirito invisibile e intangibile all’uomo. L’uomo è una creatura di carne, e l’uomo e Dio appartengono a due mondi diversi e sono diversi per natura. Lo Spirito di Dio è incompatibile con l’uomo di carne e tra loro non può stabilirsi alcun rapporto; inoltre, l’uomo non può diventare uno spirito. Dunque lo Spirito di Dio deve diventare una delle creature e adempiere la Sua opera originaria.