L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

La mia pratica di esaltazione e testimonianza a Dio era così assurda

1

Di Zhang Cheng, Provincia di Shandong

Ogni volta che vedevo alcuni capi e collaboratori all’interno della Chiesa diventare anticristo e venire eliminati da Dio, perché rendevano sempre testimonianza a se stessi e portavano i fratelli e le sorelle dinanzi a loro, io mi mettevo in guardia da solo: “Devo assicurarmi di esaltare e testimoniare Dio in ogni situazione; in nessun caso devo mettermi in mostra o esaltare me stesso, per non imboccare il sentiero dei perdenti”. E quindi, ogni volta che tenevo una condivisione, mi concentravo solo sulla rivelazione della mia stessa corruzione e non parlavo mai della pratica o dell’ingresso dal punto di vista positivo. Quando gli altri dicevano che in me c’era stato un piccolo ingresso o un cambiamento, lo negavo completamente. Credevo che praticare in questo modo equivalesse a esaltare e testimoniare Dio.

Un giorno, durante una condivisione, ho sentito queste parole: “Alcuni posseggono una conoscenza incompleta di cosa significhi esaltare e testimoniare Dio, quindi ciò che mettono in pratica non è del tutto corretto. A loro avviso, parlare dello sperimentare l’opera di Dio corrisponde principalmente al parlare della conoscenza della propria corruzione, al metterla a nudo, al mettere in pratica la propria apertura e all’esaminare la rivelazione della propria corruzione: sono convinti che esaltare e testimoniare Dio sia questo. Parlare di simili aspetti relativi all’esperienza e alla testimonianza come cambiamenti in te stesso e del processo per cui cambi, o del tuo ingresso nella realtà, equivale a testimoniare te stesso, non Dio. Tale conoscenza è corretta? Parlare del processo per cui hai sperimentato un cambiamento equivale a testimoniare te stesso? No. […] Quello che dobbiamo capire è che, per riuscire davvero a portare le persone dinanzi a Dio, quando parli solo di esperienze negative e non menzioni affatto l’entrata positiva, l’effetto è limitato e non ideale, e le persone saranno ancora prive di una strada da seguire. Durante le condivisioni, gli altri vedono solo come ti apri, come esamini te stesso e ti metti a nudo davanti a loro. Che fine ha fatto la tua entrata positiva? Che ne è stato della tua messa in pratica? Quale percorso da praticare offri alle persone? Non hai detto loro come dovrebbero praticare da quel momento in poi. […] Alcuni non capiscono in cosa consista testimoniare se stessi. Credono che parlare degli aspetti positivi che li riguardano e della loro entrata nella realtà equivalga a testimoniare se stessi. In realtà, questa è una migliore testimonianza di Dio, una testimonianza più perfetta di Lui. Siamo capaci di un po’ di realtà, di alcune buone azioni, di una certa lealtà nell’eseguire i nostri doveri: questo non è forse segno dell’amore di Dio? Non è questa la Sua grazia? Non è forse l’effetto dell’opera dello Spirito Santo? Tenendo condivisioni su tali aspetti, sei maggiormente in grado di testimoniare l’onnipotenza di Dio e come la Sua opera sia l’opera di salvezza dell’umanità, come le Sue parole possano cambiare le persone e renderle perfette e salvarle. Pertanto, testimoniare l’opera di Dio richiede anche di parlare della tua entrata positiva; di come all’inizio non eri in grado di entrare e poi, alla fine, ci sei riuscito; di come inizialmente non eri in grado di conoscere te stesso e, alla fine, ci sei riuscito e sei riuscito a conoscere l’essenza della tua natura; di come sei passato dal resistere e ribellarti a Dio all’essere in grado di obbedirGli, soddisfarLo e testimoniarLo. Se riesci a tenere condivisioni su queste esperienze e su questa testimonianza nella loro totalità, allora la tua testimonianza di Dio sarà intera e completa. Ciò, e niente altro, significa esaltare e testimoniare Dio nel vero senso di queste parole. […] Se continui a parlare soltanto della tua corruzione e bruttezza e se, dopo dieci anni o più, non sai dire nulla dei cambiamenti in te stesso, stai forse esaltando e testimoniando Dio? Lo stai glorificando? Stai testimoniando l’onnipotenza della Sua opera? […] Se, a causa della tua testimonianza, le persone diventano negative e si allontanano da Dio, allora quella non è testimonianza. La tua opera si oppone a Dio, è l’opera di Satana; è l’opera che si oppone a Dio” (“Domande e risposte” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita III). Quando ho sentito queste parole, ho subito compreso che ostinarmi a mettermi a nudo e indugiare sulla rivelazione della mia corruzione non equivaleva a esaltare e testimoniare Dio; la vera testimonianza ed esaltazione di Dio non implica soltanto parlare di come si giunge a conoscere la propria essenza corrotta mentre si sperimenta l’opera di giudizio e castigo di Dio; la cosa più importante è parlare della propria pratica positiva e del proprio ingresso. Ad esempio: quali verità sei arrivato a conoscere, cosa sei giunto a conoscere su Dio, quali effetti ha avuto l’opera di Dio in te, quali cambiamenti ci sono stati nella tua vecchia indole e così via. Se parli sinceramente di questi aspetti relativi all’esperienza e alla conoscenza attraverso le esperienze effettive che condividi, permetterai ai fratelli e alle sorelle di ottenere la conoscenza di Dio e di capire che la Sua opera può davvero salvare le persone e cambiarle, suscitando così in loro una vera fede verso Dio e, allo stesso tempo, fornendo loro un percorso di pratica e ingresso, nonché informazioni su come soddisfare Dio e come entrare nella realtà delle Sue parole. Soltanto questo equivale a esaltare e testimoniare realmente Dio e solo tale testimonianza può svergognare Satana. D’altronde, la mia comprensione di cosa significhi esaltare e testimoniare Dio era troppo parziale, troppo assurda. Pensavo che parlare di più della mia corruzione dinanzi ai fratelli e alle sorelle, così che avessero una scarsa opinione di me, equivalesse a esaltare e testimoniare Dio. Pensavo che parlare degli aspetti positivi del mio ingresso equivalesse a esaltare e testimoniare me stesso. Quanto sono stato stupido! A questo punto, non posso fare a meno di pensare alla mia pratica e a quale effetto abbiano l’esaltazione e la testimonianza a Dio.

Mi ricordo che, una volta, una sorella di cui ero ospite ha detto: “Voi capi avete rinunciato alla famiglia e alla carriera per adempiere al vostro dovere lontani da casa, avete affrontato grandi avversità e sperimentato molte cose e siete giunti a comprendere tante verità. In tutti voi, c’è stato un qualche ingresso e cambiamento. Invece io, rimanendo a casa, sono eccessivamente limitata dalla carne, sono troppo poche le volte in cui sento il cuore in pace dinanzi a Dio e in me non c’è stato alcun cambiamento. Vorrei tanto essere come voi”. A queste parole, ho pensato tra me: “Devo esaltare e testimoniare Dio, devo tenere condivisioni sulla mia corruzione e non parlare dei miei cambiamenti, altrimenti questa sorella avrà grande stima di me”. Di conseguenza, ho fatto in modo di raccontare che, in passato, ero arrogante e disobbediente alle disposizioni della Chiesa quando compivo il mio dovere, che non riuscivo ad andare d’accordo con i miei fratelli e sorelle, che molte delle mie affermazioni erano macchiate di menzogna, che cercavo di ingannare e nutrire sospetti sulle persone… Dopo aver ascoltato la mia condivisione, la sorella ha detto: “Credevo che tutti voi foste cambiati più o meno completamente, ma sembra che nemmeno tu lo sia. Ah! Nessuno di voi è cambiato e questo mi fa stare ancora peggio”. In seguito e a causa di ciò, pur non avendo più grande stima di me e non guardandomi con ammirazione, quella sorella è divenuta negativa e pensava di non avere speranza di ottenere la salvezza. Una volta, durante una riunione, ho parlato ai fratelli e alle sorelle di un aspetto della mia corruzione: ho raccontato loro che avevo nozioni su Dio. Ho detto solo che avevo tali nozioni, non come le ho eliminate, e si è scoperto che i fratelli e le sorelle non ne avevano avute di simili, eppure ne hanno avute dopo aver ascoltato la mia condivisione. E così via. Tale è stato l’effetto della mia presunta esaltazione e testimonianza a Dio. Ciò che io praticavo non solo non testimoniava l’autorità e la maestà delle parole di Dio, anzi, procurava ai fratelli e alle sorelle dubbi e nozioni sull’opera che Dio compie per salvare, cambiare e perfezionare le persone; avevano perso la fede nella salvezza e non avevano la motivazione per perseguire la verità o la risolutezza per cooperare in maniera attiva. L’esaltazione e la testimonianza a Dio che praticavo non testimoniavano alle persone quanto Egli sia gentile, amabile e giusto, né le Sue intenzioni benevole nel salvare l’uomo, mostrando alle persone il Suo amore e permettendo loro di conoscerLo; al contrario, avevano generato nozioni e fraintendimenti su Dio nei miei fratelli e sorelle, che ora vivevano nella condizione errata. Stavo forse esaltando e testimoniando Dio? Stavo semplicemente diffondendo negatività e distribuendo morte. In sostanza, stavo facendo del male alle persone e portando distruzione su di loro. Anche se, dall’esterno, non sembrava che avessi fatto nulla di evidentemente malvagio, l’essenza delle mie azioni era in opposizione a Dio, seminava disaffezione nel rapporto delle persone con Dio, era un attacco alla positività dei fratelli e delle sorelle e li portava ad allontanarsi da Dio. Stavo compiendo una malvagità, pura e semplice! Dio disprezza e detesta davvero tutto ciò!

Sia ringraziato Dio perché mi ha illuminato mostrandomi cosa significhi davvero esaltarLo e testimoniarLo, mi ha fatto capire quanto fosse assurda la mia idea al riguardo, mi ha concesso di vedere che, nella sostanza, la mia presunta esaltazione e testimonianza a Dio erano una grave resistenza verso di Lui. Se avessi continuato in quel modo, alla fine l’unica cosa che mi sarebbe accaduta è che sarei stato eliminato e punito, perché avevo servito Dio ma Gli avevo resistito. A partire da quel giorno, ho puntato a capovolgere i miei metodi assurdi di mettere in pratica; nel tenere condivisioni sulla conoscenza di me stesso, dovevo concentrarmi di più sul percorso che porta all’ingresso positivo e sulla testimonianza di aver sperimentato e messo in pratica le parole di Dio. Dovevo portare testimonianza di tutto ciò che sono giunto a conoscere, così che, con l’aiuto delle mie esperienze e della mia conoscenza, i fratelli e le sorelle potessero comprendere la volontà di Dio, essere in grado di sperimentare la Sua opera e conseguire la Sua conoscenza, portandoli così davvero al cospetto di Dio.

Contenuti correlati

  • Il giudizio è la luce

    Mi chiamo Zhao Xia. Sono nata in una famiglia normale. A causa dell’influenza di detti come “Un’oca selvatica lascia dietro di sé una voce, un uomo lascia dietro di sé una reputazione” e “Un albero passa la vita con la sua corteccia,

  • Sentire l’amore speciale di Dio

    La mia natura è particolarmente arrogante; indipendentemente da ciò che sto facendo, faccio sempre uso della mia ingegnosità e originalità per mostrare la mia genialità e, di conseguenza, spesso violo le disposizioni lavorative pur di fare le cose a mio modo.

  • Mettersi sul cammino della fede in Dio

    Ho bisogno di metterci un maggiore impegno. Così, quando la casa di Dio mi dette da trascrivere dei documenti, reagii in modo attivo. Non ebbi paura delle difficoltà e decisi di non trovare un partner o un lavoro, così da meritarmi la benedizione di essere un primogenito.

  • Uno spirito altero prima della caduta

    La chiesa aveva fatto sì che io arrivassi qui per adempiere al mio dovere, così da poter esaltare Dio e darGli testimonianza, per condurre i fratelli e le sorelle davanti a Lui e per aiutarli a conoscerLo.