3. Scoprire il mistero del giudizio

di Enhui, Malesia

Mi chiamo Enhui e ho 46 anni. Vivo in Malesia e credo nel Signore da 27 anni. Nell’ottobre del 2015 ho cambiato città per intraprendere un nuovo lavoro. Tutti i miei nuovi colleghi erano molto presi da Facebook, che usavano per chattare, trovare nuovi amici e pubblicare post. Vedendo che non avevo un account Facebook, ne hanno creato uno per me, e a poco a poco ho imparato a collegarmi online e a usarlo. Quando avevo tempo, davo un’occhiata ai post di alcuni fratelli e sorelle nel Signore, li condividevo e mettevo il mio ‘like’. A volte pubblicavo dei post sul lodare il Signore o sul condividere la Sua grazia con le persone del mio gruppo di amici. Ogni giorno era davvero appagante per me.

Un giorno di febbraio del 2016, mentre stavo scorrendo il profilo di uno dei miei amici su Facebook, ho visto questo post: “Oggi, nel nostro gruppo, abbiamo discusso la questione del giudizio. Tutti abbiamo detto cose diverse ma eravamo d’accordo sui punti principali. Qualcuno ha affermato: ‘Se non capisco qualcosa, non oso dire qualche vecchia assurdità; è qualcosa che Dio farà in futuro, e noi non dovremmo azzardare fantasiose congetture’. Qualcun altro ha detto: ‘In Sal 75:2 è scritto “Quando verrà il tempo che avrò fissato, Io giudicherò con giustizia”. Dio prende nota di tutto ciò che ogni singola persona fa, così, quando il Signore Gesù ritornerà per giudicare tutti gli esseri umani, Egli rivelerà le nostre azioni a tutti, come se proiettasse un film. Perciò dovremmo sempre essere retti nel nostro comportamento e non fare assolutamente mai il male, in modo che Dio non ci giudichi e poi ci getti nell’inferno’. Qualcun altro ha detto: ‘Nella Bibbia è scritto: “Poi vidi un grande trono bianco e colui che vi sedeva sopra. La terra e il cielo fuggirono dalla sua presenza e non ci fu più posto per loro. E vidi i morti, grandi e piccoli, in piedi davanti al trono. I libri furono aperti, e fu aperto anche un altro libro, che è il libro della vita; e i morti furono giudicati dalle cose scritte nei libri, secondo le loro opere” (Apocalisse 20:11-12). Dalle Scritture possiamo vedere che, quando il Signore Gesù ritornerà negli ultimi giorni, Egli collocherà un enorme banco nel cielo, Si siederà dietro di esso e aprirà i libri. Poi, con tutta l’umanità inginocchiata a terra, Egli chiamerà il nome di ogni individuo e giudicherà ciascuno di loro, uno a uno, secondo le sue azioni. Le persone buone saranno portate dal Signore nel Regno dei Cieli, mentre le malvagie saranno gettate all’inferno’”.

Dopo aver letto questo post sono rimasta seduta sulla mia sedia e mi sono fatta un’immagine mentale del Signore Gesù che giudica l’umanità: il Signore seduto su un trono, tutte le persone inginocchiate davanti al Suo banco e venute a confessare ogni loro peccato perché Dio le giudichi, e il Signore che manda ciascuna di loro in Cielo o all’inferno secondo le sue azioni. Ho pensato a come ero stata una fedele seguace del Signore per oltre 20 anni e a come avevo fatto del mio meglio per mettere in pratica i Suoi insegnamenti. Credevo che il Signore avrebbe visto la mia devozione e mi avrebbe portato nel Regno dei Cieli. Ma, mentre continuavo a rifletterci su, d’un tratto ho avuto un’idea: ora che sapevo usare Internet, perché non cercare ‘giudizio’ e vedere cosa veniva fuori? Ho aperto un browser e ho digitato la parola; non ricordo quale link ho cliccato ma, con mia grande sorpresa, è spuntata questa frase: “II castigo e il giudizio di Dio sono la luce della salvezza dell’uomo”. Ha catturato subito il mio interesse, così sono andata sul sito a leggere altro. Mentre la pagina web si caricava, ho sentito questo inno che era gradevole e faceva pensare allo stesso tempo: “II castigo e il giudizio di Dio sono la luce della salvezza dell’uomo”. Il testo includeva: “Nella sua vita, se l’uomo desidera essere purificato e ottenere cambiamenti nella propria indole, se vuole vivere una vita piena di significato e compiere il proprio dovere di creatura, allora deve accettare il castigo e il giudizio di Dio e non deve permettere che la disciplina e le percosse di Dio si allontanino da lui, così da potersi liberare dalla manipolazione e dall’influenza di Satana e vivere nella luce di Dio. Sappi che il castigo e il giudizio di Dio sono la luce, la luce della salvezza dell’uomo, e che per lui non esiste migliore benedizione, grazia o protezione” (Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi).

Quando l’inno è finito, ho meditato sul testo; l’ho trovato davvero toccante. Ho cominciato a pensare: “Il castigo e il giudizio di Dio sono la luce della nostra salvezza? Sono la grazia e la protezione più grandi per l’umanità? Come dobbiamo intendere tutto questo? Se le persone vogliono essere purificate e vivere una vita piena di significato, vuol dire che devono accettare il castigo e il giudizio di Dio?” Mentre rimuginavo sulle parole dell’inno, molte domande mi frullavano per la testa. Ho anche pensato: “Se Dio dovesse giudicare l’uomo, questi non sarebbe condannato? E come mai il giudizio diventa una luce di salvezza?” Ero sia curiosa che eccitata, perché non avevo mai sentito nulla del genere prima di allora. Anche se il giudizio di cui si parlava nell’inno non era come io l’avevo inteso, provavo lo stesso la vaga sensazione che il giudizio avesse un significato davvero profondo, e che fosse rilevante per il futuro e il destino di una persona. Quando ho verificato la fonte dell’inno, ho visto che era la Chiesa di Dio Onnipotente, così sono andata sul loro sito. Ho notato non solo che la homepage era originale ed esteticamente gradevole, ma anche che il contenuto era ricco e vario. C’erano cose da ascoltare, altre da leggere, canzoni, dibattiti e molto altro ancora. Ho pensato tra me e me: “Perché nessuno mi ha mai detto di questo sito straordinario? Potrebbe essere che nessuno l’abbia condiviso perché non l’ha ancora trovato?” Ho cliccato sul link “Libri”, e mentre scorrevo la lista ho notato questo titolo: Testimonianze di esperienze di ingresso nella vita. Ci ho cliccato sopra e ho visto che per la maggior parte erano testimonianze sul giudizio di Dio, ad esempio: “Il giudizio e il castigo di Dio mi hanno salvato”, “Il giudizio e il castigo di Dio sono stati per me una grande salvezza”, “Ho visto l’amore di Dio nel Suo giudizio e castigo”, “Il giudizio e il castigo di Dio hanno risvegliato il mio spirito peccaminoso”, “Il giudizio e il castigo di Dio mi hanno aiutato a imboccare il giusto cammino”. Per me era quasi ora di andare al lavoro, perciò ho avuto solo il tempo di dare una rapida letta ad alcune di queste testimonianze. Erano tutte scritte da credenti che raccontavano come la loro indole corrotta fosse stata purificata, e parlavano anche delle loro carenze, della loro corruzione, delle errate concezioni in tema di fede ecc., e di come queste avevano subito un certo cambiamento attraverso le parole di giudizio di Dio Onnipotente. Ciò mi ha reso ancora più curiosa riguardo a “II castigo e il giudizio di Dio sono la luce della salvezza dell’uomo”. È possibile che il giudizio non consista nell’essere condannati? Che non consista nel decidere la fine di ogni persona? Ho iniziato a sentirmi davvero turbata e sapevo di dover andare al fondo della questione di cui parlava “Il castigo e il giudizio di Dio sono la luce della salvezza dell’uomo”. Sono giunta alla conclusione che forse “Testimonianze di esperienze di ingresso nella vita” era un libro estremamente utile alle persone per la loro fede, e che avrei dovuto esaminarlo con più attenzione. Ma il tempo stringeva, così ho spento il computer e sono andata al lavoro.

Quella notte non ho fatto che agitarmi e girarmi nel letto, incapace di dormire; continuavano a venirmi in mente immagini del sito web della Chiesa di Dio Onnipotente. In particolare, non riuscivo a distogliere il pensiero dalla frase “II castigo e il giudizio di Dio sono la luce della salvezza dell’uomo”, e volevo davvero sapere che cosa si intendeva con il “giudizio”.

L’indomani mi sono alzata presto, mi sono collegata al sito della Chiesa di Dio Onnipotente e ho cominciato a cercare la parola “giudizio”. Ho visto un articolo intitolato “Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità”, l’ho aperto, e ho letto queste parole: “Come detto in precedenza, il giudizio comincerà dalla casa di Dio. Questo ‘giudizio’ si riferisce al giudizio che Dio pronuncia oggi su coloro che vengono dinanzi al Suo trono negli ultimi giorni. Forse c’è chi crede in certe fantasie soprannaturali, come quella che quando arriveranno gli ultimi giorni, Dio costruirà un grande tavolo in cielo, sul quale verrà stesa una tovaglia bianca, quindi siederà su un grande trono e tutti gli uomini si inginocchieranno a terra. Dio dovrà poi svelare i peccati di ogni uomo per stabilire se egli debba salire al cielo o essere inviato giù nello stagno di fuoco e di zolfo. Non importa quali siano le fantasie dell’uomo, la sostanza dell’opera di Dio non può essere modificata. Le fantasie dell’uomo non sono altro che costrutti dei pensieri umani e provengono dal cervello dell’uomo, sintetizzate e messe insieme sulla base di ciò che l’uomo ha visto e sentito. Di conseguenza, Io dico, sebbene le immagini concepite siano geniali, non sono comunque niente più di un disegno e non possono essere un sostituto per il progetto dell’opera di Dio. D’altronde tutto nell’uomo è stato corrotto da Satana, quindi come può egli comprendere i pensieri di Dio? L’uomo concepisce l’opera di giudizio da parte di Dio come particolarmente eccezionale. Egli crede che, giacché è Dio Stesso a compiere l’opera di giudizio, allora deve essere di portata veramente enorme e incomprensibile ai comuni mortali; deve risuonare attraverso i cieli e scuotere la terra, altrimenti come potrebbe essere l’opera di giudizio di Dio? L’uomo è convinto che, poiché si tratta dell’opera di giudizio, allora Dio deve essere particolarmente imponente e maestoso mentre la compie, e coloro che vengono giudicati devono gemere tra le lacrime e implorare pietà in ginocchio. Tale scena deve essere uno spettacolo grandioso e profondamente travolgente… Ogni uomo immagina l’opera di giudizio da parte di Dio come soprannaturalmente meravigliosa. Lo sai, invece, che Dio iniziò l’opera di giudizio tra gli uomini tanto tempo fa, mentre tu eri ancora immerso nella tua beata ignoranza? Che quando credi che l’opera di giudizio di Dio stia ufficialmente iniziando, per Dio è già il momento di rinnovare il cielo e la terra? A quel tempo forse avrai soltanto capito appena il senso della vita, ma la spietata opera di punizione di Dio ti porterà, ancora profondamente incosciente, all’inferno. Solo allora ti renderai improvvisamente conto che l’opera di giudizio di Dio si è già conclusa”. Sono rimasta realmente stupita da queste parole: rivelavano in modo così preciso i pensieri e i concetti più intimi che le persone hanno riguardo all’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni, ed erano anche così reali e pratiche. Mi sono chiesta: “Possibile che l’idea di un giudizio nei Cieli, alla quale ero rimasta aggrappata, fosse solo frutto della mia immaginazione? Questo brano mostra che tutte le persone immaginano l’opera di giudizio di Dio come misteriosa e soprannaturale. Precisa anche che l’opera di giudizio è iniziata molto tempo fa e che si concluderà presto, ed esorta le persone a non perdere tempo cercando la manifestazione di Dio. Potrebbe essere la voce di Dio?” Quest’ultimo pensiero mi ha lasciata inquieta e avevo davvero bisogno di immediata chiarezza su ciò che è realmente il giudizio di Dio. Ma il sito della Chiesa di Dio Onnipotente era talmente ricco di contenuti che al momento non sapevo dove iniziare a cercare, così ho deciso di rintracciare i membri della Chiesa in persona e vedere se potevano aiutarmi a capire.

Usando la funzione di chat online del sito della Chiesa di Dio Onnipotente, ho inviato un messaggio dicendo loro che ero interessata a saperne di più riguardo al giudizio. Qualcuno mi ha risposto molto velocemente e mi ha presentato due sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente che si sono messe in contatto con me: Liu Hui e Li Mei. Nel corso del nostro scambio di battute, ho scoperto che queste due sorelle avevano un approccio aperto e sincero, ed erano molto chiare; volevo conversare con loro col cuore in mano. Ho detto: “Il sito della Chiesa di Dio Onnipotente mi piace molto. Contiene ogni sorta di libri spirituali, inni di lode, video musicali, filmati sul Vangelo, recitazioni delle parole di Dio e altro. È davvero ricco di contenuti, ma non riesco a capire cosa si intende con il giudizio di Dio. Ho appena letto ‘Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità’ che sembra dire che l’opera di giudizio di Dio è già cominciata e che l’idea del giudizio nei Cieli sia solo un prodotto delle nozioni e dell’immaginazione umane. È molto diverso dal mio solito modo di intendere il giudizio. Potreste condividere con me la vostra interpretazione?”

Sorella Liu Hui ha risposto: “Dio sia lodato! Cerchiamo e condividiamo insieme! Anche io lo intendevo in quel modo, credendo che l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni si sarebbe compiuta nei Cieli. Ma, dopo aver letto le parole di Dio Onnipotente e aver condiviso con fratelli e sorelle, mi sono resa conto che era solo una mia nozione, una mia fantasia. Che l’opera di giudizio di Dio sarà compiuta nei Cieli o in terra è indicato molto chiaramente in alcune delle profezie nella Bibbia. Ad esempio, in Apocalisse 14:6-7 è scritto: ‘Poi vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo, recante il Vangelo eterno per annunciarlo a quelli che abitano sulla terra, a ogni nazione, tribù, lingua e popolo. Egli diceva con voce forte: “Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l’ora del Suo giudizio. Adorate Colui che ha fatto il cielo, la terra, il mare e le fonti delle acque”’. In Salmi 96:13 si dice: ‘Poiché Egli viene, viene a giudicare la terra. Egli giudicherà il mondo con giustizia e i popoli con verità’. In Giovanni 9:39 è scritto: ‘Io sono venuto in questo mondo per fare un giudizio, affinché quelli che non vedono vedano’. In questi versetti biblici si parla di ‘recante il Vangelo eterno per annunciarlo a quelli che abitano sulla terra’, ‘viene a giudicare la terra’ e ‘Io sono venuto in questo mondo per fare un giudizio’. Da ciò possiamo vedere che, negli ultimi giorni, Dio deve venire personalmente nel mondo, e giungerà sulla terra per compiere l’opera di giudizio, per giudicare tutti i popoli e tutte le nazioni. Inoltre, dalla lettura della Bibbia sappiamo che, prima di creare il genere umano, Egli creò i cieli e la terra e tutte le cose al fine di preparare un adeguato ambiente di vita per noi. Dio ha poi creato il genere umano e ha fatto in modo che vivessimo sulla terra, non nei Cieli. Dunque come potremmo salire nei cieli? L’umanità corrotta non ha altra scelta se non accettare il giudizio di Dio qui sulla terra. In più, nel Libro dell’Apocalisse è riportato che Giovanni vide un grande trono bianco nel cielo sull’isola di Patmos. In realtà, questa fu solo una delle visioni di Giovanni, ma alcune persone l’hanno interpretata alla lettera, a significare che, quando Dio ritornerà negli ultimi giorni, Egli giudicherà le persone in cielo. Non sono altro che nostre nozioni e fantasie, e una interpretazione inesatta delle profezie: non è affatto la realtà dell’opera di Dio”.

Ero sbalordita da quel che avevo sentito: avevo letto tutti i versetti della Bibbia che la mia sorella stava condividendo con me, allora perché non mi ero mai resa conto del vero significato di quelle parole? Sì! Dio aveva creato il genere umano perché vivesse sulla terra, quindi come sarebbe possibile per noi salire in cielo? La mia fede era piena di imprecisione e di ignoranza!

Poi è stata sorella Li Mei a condividere con me: “Negli ultimi giorni, Dio non Si è incarnato solo per compiere l’opera di giudizio sulla terra; la Sua opera, al contrario, è cominciata molto tempo fa e si concluderà presto. L’opera di giudizio di Dio non si compie nei cieli come la gente immagina, e non consiste nel condannare direttamente le persone come esse credono. In realtà, prima che l’opera di giudizio di Dio si concluda, tutti coloro che si presentano dinanzi al trono di Dio sono quelli che possono essere giudicati, messi alla prova e purificati dalle parole di Dio. Tutti coloro che accettano il giudizio di Dio e sono purificati verranno da Lui portati nel Suo Regno. Quanto a coloro che rifiutano di accettare il giudizio delle parole di Dio, poiché le loro nature peccaminose non saranno state giudicate e purificate da Dio, continueranno a vivere nel peccato, seguitando costantemente a peccare. Mentiranno, inganneranno, si ribelleranno a Dio e Gli opporranno resistenza. E per i loro peccati saranno distrutti nell’inferno: questa è la vera manifestazione dell’indole giusta di Dio. Quelli di noi che seguono il Signore da molti anni hanno sperimentato profondamente che, sebbene siamo stati redenti dai nostri peccati grazie alla nostra fede, il problema della nostra natura peccaminosa non è stato risolto. Noi seguiamo il Signore, eppure allo stesso tempo andiamo spesso contro gli insegnamenti del Signore dando libero sfogo al nostro carnale desiderio di commettere peccati come mentire, ingannare, farci coinvolgere in intrighi, affannarci per ottenere fama e ricchezza. Siamo assetati di cose vane e seguiamo le tendenze malvagie del mondo materiale, e così via. In particolare, quando ci troviamo di fronte a prove, incidenti e disastri, noi fraintendiamo Dio, Lo accusiamo e arriviamo a tradirLo. Potremmo dire che viviamo in una condizione costante di peccato e poi confessiamo i nostri peccati, ma senza mai liberarci dalle catene della nostra natura peccaminosa. Nella Bibbia si dice: ‘La santificazione, senza la quale nessuno vedrà il Signore’ (Ebrei 12:14). Come possono persone corrotte come noi entrare nel Regno di Dio? Dio Onnipotente ha detto: ‘Un peccatore come voi, che è stato redento ma non cambiato o perfezionato da Dio, è in grado di soddisfare il cuore di Dio? Per te, che sei ancora dominato dal tuo vecchio io, è vero che sei stato salvato da Gesù e non sei considerato un peccatore grazie alla salvezza di Dio, ma questo non dimostra che tu non sia peccaminoso e non sia impuro. Come puoi essere santo, se non sei stato trasformato? Dentro di te sei assediato dall’impurità, dall’egoismo e dalla cattiveria, eppure vuoi ancora discendere con Gesù – saresti davvero fortunato! Hai saltato un passaggio della tua fede in Dio: sei stato solo redento, non sei stato trasformato. Perché tu possa soddisfare il cuore di Dio, l’opera di trasformazione e di purificazione deve essere compiuta personalmente da Lui; se sei solo redento, non sarai in grado di raggiungere la santità. Di conseguenza, non sarai qualificato per ricevere parte delle sante benedizioni di Dio, perché hai saltato un passaggio nell’opera di Dio per la gestione dell’uomo, ossia il passaggio principale per la trasformazione e la perfezione. Pertanto tu, un peccatore che è stato solo redento, non puoi ricevere direttamente l’eredità di Dio’ (“Riguardo all’appellativo e all’identità” in “La Parola appare nella carne”). Così, durante gli ultimi giorni, Dio sta mettendo in atto il Suo piano di gestione, eseguendo la fase dell’opera di giudizio, castigo e purificazione delle persone in accordo con ciò di cui l’umanità corrotta ha bisogno. Lo scopo è quello di salvarci completamente dal dominio di Satana e di rimuovere le catene della nostra natura peccaminosa, così che possiamo essere purificati e salvati. Da questo vediamo che l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni è interamente basata sulla purificazione e la salvezza. Non riguarda la nostra condanna, come la gente immagina”.

Sorella Liu Hui ha proseguito la condivisione con me: “È esatto, sorella Enhui. Riflettiamoci: se l’opera di giudizio di Dio dovesse condannarci e punirci, allora nemmeno uno di noi, che siamo stati tutti profondamente corrotti da Satana, sarebbe mai salvato o in grado di entrare nel Regno di Dio. Se così fosse, che senso avrebbe l’opera di giudizio di Dio? Le parole di Dio Onnipotente affermano con chiarezza perché Dio compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni e qual è il suo significato. Leggiamo due passaggi delle parole di Dio Onnipotente: ‘L’intera vita dell’uomo è vissuta sotto il dominio di Satana e non esiste uomo che si possa liberare da solo dall’influenza di Satana. Tutti vivono in un mondo sporco, nella corruzione e nel vuoto, senza il benché minimo significato o valore; vivono una vita così sconsiderata, per la carne, per la lussuria e per Satana. Non c’è il minimo valore nella loro esistenza. L’uomo è incapace di trovare la verità che lo libererà dall’influenza di Satana. Pur credendo in Dio e leggendo la Bibbia, non capisce come liberarsi dal controllo dell’influenza di Satana. Nel corso dei secoli, pochissime persone hanno scoperto questo segreto, pochissime hanno avuto modo di sfiorarlo. […] Se l’uomo non viene purificato, allora è sporco; se non è protetto e curato da Dio, allora è ancora prigioniero di Satana; se non è giudicato e castigato, allora non avrà alcun mezzo per sfuggire all’oppressione dell’influenza oscura di Satana. L’indole corrotta che manifesti e il comportamento disobbediente che vivi sono sufficienti a dimostrare che stai ancora vivendo sotto il dominio di Satana. Se la tua mente e i tuoi pensieri non sono stati purificati e la tua indole non è stata giudicata e castigata, allora il tuo intero essere è ancora sottoposto al dominio di Satana, la tua mente è controllata da Satana, i tuoi pensieri sono manipolati da Satana, e tutto il tuo essere è gestito dalle mani di Satana’ (“Le esperienze di Pietro: la sua conoscenza del castigo e del giudizio” in “La Parola appare nella carne”). ‘Attraverso quest’opera di giudizio e di castigo, l’uomo arriverà a conoscere appieno la sostanza sudicia e corrotta dentro di sé e sarà in grado di cambiare completamente e di diventare puro. Solo in questo modo egli può essere degno di tornare davanti al trono di Dio. Tutta l’opera compiuta in questo giorno serve a rendere puro e a cambiare l’uomo; attraverso il giudizio e il castigo tramite la parola, e attraverso il raffinamento, egli può rigettare la propria corruzione ed essere reso puro’ (“Il mistero dell’incarnazione (4)” in “La Parola appare nella carne”). Allora, cosa possiamo trarre dalle parole di Dio? Considerandole da una certa angolazione, possiamo vedere che le parole di Dio sono estremamente concrete e riflettono molto bene la nostra situazione di vita reale. Da un’altra angolazione, potremmo capire che dobbiamo prima sperimentare il giudizio e la purificazione da parte di Dio per liberarci di sporcizia e corruzione, e per sottrarci all’oscura influenza di Satana. Soltanto allora saremo qualificati per essere portati da Dio nel Suo Regno. Senza l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni non potremmo essere purificati abbastanza da diventare persone in armonia con il cuore di Dio, e di certo non saremmo in grado di entrare nel Suo Regno. Semplicemente non smetteremmo mai di peccare e di resistere a Dio e, alla fine, saremmo da Lui distrutti nell’inferno. In realtà, dalle testimonianze di vita reale dei fratelli e delle sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente, possiamo vedere che il giudizio e il castigo di Dio sono la luce della salvezza per l’umanità. Ognuno di noi è stato corrotto da Satana ma, poiché possiamo presentarci al cospetto di Dio Onnipotente e ricevere il giudizio e il castigo delle parole di Dio, la nostra indole di vita cambia a poco a poco. Passiamo dalla ribellione e dalla resistenza all’accettazione e alla sottomissione; passiamo dall’arroganza, dalla presunzione e dal non cedere a nessuno, alla disposizione a mettere da parte il nostro ego e a sottometterci a ciò che è giusto, alla verità. Inoltre, tutto quel che è palesato nel giudizio e castigo di Dio è la verità, ed è anche un’espressione della Sua indole giusta e santa; così, più sperimentiamo il giudizio e il castigo di Dio, più conosciamo Dio. E più conosciamo Dio, più chiaramente comprendiamo le persone, le cose e gli eventi nel mondo. Di conseguenza, i nostri punti di vista e valori cambiano a vari livelli. Acquisiamo una maggiore riverenza e sottomissione nei confronti di Dio. Questo è ciò che il giudizio e il castigo di Dio Onnipotente realizzano in noi. Senza il giudizio della luce della verità nelle parole di Dio, vivremmo tutti nelle tenebre, commettendo peccati per poi confessarli, confessandoli per poi commetterli di nuovo ogni giorno, senza mai liberarci dalle catene del peccato. Allora, come potremmo mai essere portati da Dio nel Suo Regno?”

Dopo aver condiviso con le sorelle Li e Liu, ho sentito come se una luce intensa fosse stata accesa nel mio cuore. Quel che avevano detto era vero: il pastore, gli anziani e i fratelli e le sorelle nella mia Chiesa erano tutti incapaci di affrancarsi dalla schiavitù del peccato. Anche io spesso peccavo mio malgrado, ed ero incapace di mettere in pratica le parole del Signore. Viviamo tutti in una condizione in cui commettiamo peccati e poi li confessiamo; abbiamo davvero bisogno che Dio ritorni e compia una fase dell’opera di giudizio e di purificazione. Se non avessi indagato sull’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni, non sarei mai arrivata a comprendere queste verità. Mi sentivo così grata per la guida di Dio. Leggendo le parole di Dio Onnipotente e ascoltando la condivisione delle sorelle, e in più leggendo le testimonianze scritte dei fratelli e delle sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente che descrivevano come le loro indoli corrotte fossero state purificate attraverso il giudizio delle parole di Dio, avevo raggiuto una certa comprensione dell’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni. Le mie nozioni erano state demolite, e ormai avevo capito che il giudizio e il castigo di Dio sono per noi essenziali al fine di sottrarci al peccato e ottenere la purificazione.

Poi Liu Hui ha aggiunto: “Leggiamo altri due passaggi delle parole di Dio Onnipotente. Egli ha detto: ‘Quando Dio comincia l’opera di giudizio, Egli non Si limita semplicemente a chiarire la natura dell’uomo solo con poche parole, ma compie la rivelazione, il trattamento e la potatura a lungo termine. Tale metodo di rivelazione, di trattamento e di potatura non può essere sostituito con parole ordinarie, ma con la verità che l’uomo non possiede affatto. Solo tale modo di lavoro viene considerato giudizio; solamente attraverso tale giudizio l’uomo può essere assoggettato, pienamente convinto a sottomettersi a Dio e inoltre può ottenere la vera conoscenza di Dio. Ciò che l’opera di giudizio realizza è la comprensione da parte dell’uomo del vero volto di Dio e la verità riguardo alla sua ribellione. L’opera di giudizio permette all’uomo di ottenere molta comprensione della volontà di Dio, dello scopo della Sua opera e dei misteri che non possono essere compresi dall’uomo. Inoltre, consente all’uomo di riconoscere e conoscere la sua sostanza corrotta e le radici della sua corruzione, come pure di scoprire la sua bruttezza. Questi effetti si realizzano tutti tramite l’opera di giudizio, perché la sua sostanza è di fatto l’opera di svelare la verità, la via e la vita di Dio a tutti coloro che hanno fede in Lui. Quest’opera è l’opera di giudizio svolta da Dio’ (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”). ‘Coloro che desiderano guadagnare la vita senza fare affidamento sulla verità pronunciata da Cristo sono le persone più ridicole della terra, e coloro che non accettano la via della vita apportata da Cristo sono persi nella fantasticheria. Per questo, dico che quanti non accettano il Cristo degli ultimi giorni saranno per sempre disprezzati da Dio. Cristo è la porta dell’uomo verso il Regno durante gli ultimi giorni, che nessuno può evitare. Nessuno può essere reso perfetto da Dio se non attraverso Cristo. Tu credi in Dio e così devi accettare la Sua parola e obbedire alla Sua via. Non devi pensare soltanto ad acquisire benedizioni senza ricevere la verità o accettare l’approvvigionamento di vita. Cristo viene negli ultimi giorni affinché tutti coloro che veramente credono in Lui possano essere dotati di vita. La Sua opera ha lo scopo di concludere la vecchia età e inaugurare quella nuova, ed è il cammino che va intrapreso da tutti coloro che vogliono accedere alla nuova era. Se sei incapace di riconoscerLo, e invece Lo condanni, Lo bestemmi o perfino Lo perseguiti, sei destinato a bruciare per l’eternità e non entrerai mai nel Regno di Dio’ (“Solo il Cristo degli ultimi giorni può offrire all’uomo la via della vita eterna” in “La Parola appare nella carne”). Dalle parole di Dio Onnipotente possiamo capire che negli ultimi giorni Dio Si è fatto carne al fine di esprimere tutte le verità per purificare e salvare l’umanità, secondo i bisogni del genere umano. Egli rivela l’indole giusta di Dio che non tollera alcuna offesa dall’uomo. Attraverso le Sue parole, Dio rivela la natura e l’essenza delle persone, e lo stato reale della loro corruzione. Solo accettando le parole di giudizio che Dio Onnipotente ha espresso possiamo conoscere la nostra arroganza, la nostra malizia, il nostro egoismo, la nostra malvagità ecc., che sono tutte parte della nostra natura satanica e della nostra indole corrotta. Solo accettando il giudizio e il castigo di Dio possiamo conoscere la Sua indole giusta e sviluppare un cuore che riverisca Dio e un autentico pentimento. In questo modo possiamo ottenere la trasformazione e la purificazione della nostra indole corrotta. Questo è il significato del giudizio di Dio, ed è anche la nostra unica strada verso la salvezza. Sorella Enhui, purché leggiamo coscienziosamente quante più parole di Dio Onnipotente ci è possibile, il significato dell’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni ci diventerà chiaro e, ancora di più, capiremo che solo il Cristo degli ultimi giorni può donare alle persone la via della vita eterna”.

Il Signore sia lodato! Ho guadagnato tantissimo comunicando con le mie sorelle. Anche se devo ancora subire il giudizio e il castigo di Dio, attraverso la condivisione con loro e la lettura di “Testimonianze di esperienze di ingresso nella vita”, ho sentito che il giudizio e il castigo di Dio Onnipotente possono davvero cambiare le persone. Ho avvertito anche che ho davvero bisogno che Dio compia la Sua fase dell’opera di giudizio e castigo per trasformarmi e purificarmi, così sarò degna di essere portata nel Regno dei Cieli. In un secondo momento, dopo qualche altro giorno di condivisione, sono arrivata a capire qualcosa di più del significato dell’opera di giudizio di Dio e della verità riguardo ai nomi di Dio. Ho anche appreso verità per distinguere il vero Cristo da quelli falsi, e le vere Chiese dalle false. Sono venuta a conoscenza di verità riguardo all’incarnazione di Dio, alla differenza tra opera di Dio e lavoro dell’uomo, di come Satana corrompe il genere umano, di come Dio ci salva, e altro. Sono giunta alla ferma conclusione che Dio Onnipotente è davvero il Signore Gesù ritornato, e con un cuore lieto ho accettato l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni. Dio sia lodato! Da allora ho provato una inestinguibile sete di leggere le parole di Dio. Vivendo una vita di Chiesa, condividendo verità con i fratelli e le sorelle e accettando il nutrimento delle parole di Dio, sento che il mio spirito sta ottenendo molto sostegno. Ciò mi ha permesso di essere testimone del totale adempimento di questa profezia contenuta nel Libro dell’Apocalisse della Bibbia: “Ecco, Io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la Mia voce e apre la porta, Io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con Me” (Apocalisse 3:20). L’ho anche sentita adempiersi dentro di me come persona. Le parole di Dio Onnipotente hanno bussato e fatto aprire la porta del mio cuore, e mi hanno permesso di ascoltare la voce di Dio, di conoscere la Sua opera di giudizio e di tornare al Suo cospetto. Dio sia lodato!

Pagina precedente: 2. Il sentiero per la purificazione

Pagina successiva: 4. Il risveglio di uno spirito ingannato

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati

34. Un risveglio dello spirito cristiano

In tutti quegli anni, non so quante volte ho goduto del fatto che Dio vegliasse su di me e mi proteggesse, ma per tutto il tempo non ho conosciuto Dio né Lo ho adorato; non avevo veramente coscienza. A partire da quel momento, ho capito meglio la grazia della salvezza di Dio.

28. Aprirsi un varco nella nebbia per vedere la luce

Sono un semplice lavoratore. Alla fine del novembre del 2013, un collega notò che io e mia moglie facevamo sempre un gran polverone su cose di poco conto e che ogni giorno eravamo preoccupati e in difficoltà; ci trasmise quindi l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni.

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro