L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Non uso più la scarsa levatura come scusa

1

Di Lin Ran, provincia dello Henan

In passato, ogni volta che dovevo affrontare difficoltà nell’esecuzione del mio dovere o svolgevo male il mio lavoro, pensavo che dipendesse dalla mia levatura troppo scarsa. Di conseguenza, vivevo spesso in una condizione di pessimismo e passività. Usavo frequentemente la questione della mia scarsa levatura come scusa per scaricare sugli altri i doveri che mi sembravano gravosi e sentivo che non c’era nulla di sbagliato in questo, che mi stavo preoccupando per il lavoro nella Chiesa se chiedevo ad altre persone di fare qualcosa, perché la mia levatura era scarsa e non potevo eseguire bene il mio dovere. È stato solo grazie alla lettura delle parole di Dio che ho modificato radicalmente questa visione errata, poiché mi sono resa conto che consideravo le cose attraverso il filtro delle mie nozioni e fantasie. Ho anche imparato qualcosa sulla mia indole corrotta.

Un giorno, un capo ha inviato un documento che richiedeva una gestione urgente. La sorella con cui collaboravo era impegnata con qualcos’altro, per cui mi ha chiesto di occuparmene. Ho iniziato subito a trovare scuse: “La mia levatura è troppo scarsa. Non sono brava a scrivere e a correggere testi. Sarebbe meglio se lo gestissi tu”. Così affibbiavo automaticamente alla mia compagna di lavoro ogni compito spinoso. In seguito, lei mi ha detto: “Nel momento stesso in cui ci siamo incontrate, hai cominciato a dire che la tua levatura è inadeguata. Ma, dopo essere stata con te per alcuni giorni, ho notato che sei capace di individuare alcuni problemi nel lavoro. Non penso che la tua levatura sia così inadeguata, ma, ogni volta che ti trovi di fronte a qualche difficoltà nell’esecuzione del tuo dovere, dici sempre che la tua levatura è scarsa e, a volte, scarichi persino i tuoi compiti sugli altri. Non so cosa ti spinga a ripetere sempre quanto la tua levatura sia inadeguata: a me sembra che tu stia davvero fingendo!” Sentendola pronunciare queste parole, sono rimasta a bocca aperta, ma il mio cuore si è riempito di avversione per lei: “Quando sostengo che la mia levatura è inadeguata, sto dicendo la verità. Tu non conosci i fatti e mi hai frainteso”. In seguito, ho rimuginato sul motivo per cui la sorella aveva espresso quest’opinione. Non mentivo quando avevo detto che la mia levatura era scarsa: come poteva affermare che avevo le mie motivazioni? Nel mio cuore, proprio non riuscivo a capirlo.

Una volta, durante una riunione con i miei collaboratori, mi sono confidata con gli altri fratelli e sorelle riguardo alla mia confusione. Ho esaminato a una a una le ragioni per cui pensavo che la mia levatura fosse scarsa: ad esempio, scrivevo al computer molto lentamente, il mio stile di scrittura non era un granché. Quando lavoravo ai testi con la mia compagna, era lei a digitare e correggere la maggior parte dei testi e, quando leggeva un documento, individuava i problemi con grande prontezza, mentre io ero più lenta, e così via. Dopo aver ascoltato la mia condivisione, il nostro capo, fratello Liu, ha detto: “Sorella, è forse su queste cose che misuriamo se la levatura di qualcuno è buona o inadeguata? Quest’affermazione è forse in linea con la verità? È in linea con la volontà di Dio? Sappiamo tutti che le persone nel mondo tengono in grande considerazione il talento e il cervello. Chi è sveglio, eloquente e abile nel trattare le questioni del mondo esterno è una persona di buona levatura, mentre coloro che sono goffi nel parlare, ignoranti e poco istruiti sono visti come privi di levatura; è così che la pensano i non credenti. Noi che crediamo in Dio dobbiamo guardare alle cose sulle base delle parole di Dio. Abbiamo ricercato la Sua volontà riguardo a tale questione? Su quale base Egli misura se la levatura delle persone è buona o inadeguata? E cosa s’intende per levatura buona o inadeguata?” Io scuotevo la testa e fratello Liu ha continuato la propria condivisione: “Leggiamo ora il brano di un sermone: ‘Il fatto che la levatura di una persona sia buona o inadeguata si riferisce principalmente a come questa persona sia capace di comprendere le parole di Dio. Una buona capacità di comprensione significa che, nel leggere le parole di Dio, la persona riesce a penetrare attraverso il significato letterale e afferrare la volontà di Dio, ad acquistare la verità attraverso le Sue parole, e che sa come agire per assicurarsi di seguire la Sua volontà. Possedere tale capacità di comprensione significa essere di buona levatura. La levatura non è l’equivalente di essere dotati, non è lo stesso di essere svegli e capaci. Alcune persone sembrano piuttosto in gamba all’apparenza, ma sono assolutamente incapaci quando si tratta di comprendere le parole di Dio. Questo è ciò che i non credenti intendono quando parlano di buona levatura, ma tali parole non reggono nella casa di Dio. Vi sono persone che sono studenti universitari o che sono molto intelligenti, ma nella casa di Dio sono prive di appigli e completamente incapaci di accedere alla verità. Puoi forse affermare che essi possiedono una buona levatura? Vi sono persone scarsamente istruite che hanno terminato solo la scuola elementare e che non hanno una carriera importante nel mondo esterno, eppure hanno avuto successo nel perseguire la verità e nel diventare coloro che sono lodati da Dio. Solo queste persone sono realmente di buona levatura. Il livello di istruzione non è tutto. Essenziale è se le persone comprendono lo spirito’ (La condivisione del Fratello). Da questa condivisione capiamo che il fatto di avere una levatura buona o inadeguata dipende dalla capacità di comprendere le parole di Dio. Questo non è ciò che intendono i non credenti quando dichiarano che qualcuno ha una levatura o è dotato e intelligente. Le persone di buona levatura riescono a comprendere la volontà di Dio quando terminano di leggere le Sue parole, sanno trovare una via per praticare e accedere alla verità e sono capaci di praticare secondo ciò che Dio richiede. D’altra parte, vi sono persone che sembrano molto intelligenti e sono fantastiche nel gestire le questioni del mondo esterno, ma si confondono non appena si trovano di fronte alle verità delle parole di Dio. Non si può dire che siano persone di buona levatura. Proprio come alcune persone sagaci e istruite sembrano dotate e intelligenti all’apparenza, ma non sanno comprendere le verità delle parole di Dio. Alcune di loro hanno anche punti di vista assurdi sulle cose. Dunque, essere molto istruiti, svegli e capaci non è indice di buona levatura, né questi sono i parametri con cui essa si misura. Essenziale è se le persone comprendono lo spirito, se sono capaci di capire la verità. Non possiamo affidarci alle nostre nozioni e fantasie per giudicare se la levatura di chicchessia sia buona o inadeguata!” Nell’ascoltare queste parole, improvvisamente ho visto la luce: risultava chiaro che le mie convinzioni non erano altro che mie nozioni e fantasie, e non erano conformi alla verità.

In seguito, una sorella ha trovato due passi delle parole di Dio e mi ha chiesto di leggerli. Le parole di Dio affermano: “Quando si è seri, responsabili, coscienziosi e operosi, il lavoro verrà eseguito adeguatamente. […] La collaborazione delle persone è molto importante, i loro cuori sono molto importanti, e dove indirizzano i loro pensieri e idee è molto importante. Quanto alla natura delle loro intenzioni e all’impegno che profondono nell’adempimento dei loro doveri, Dio indaga e riesce a vedere. È fondamentale che gli uomini mettano tutto il loro cuore e tutta la loro forza in ciò che fanno. Anche la loro collaborazione è fondamentale. Sforzarsi di non avere rimpianti riguardo ai doveri che si sono portati a termine e alle proprie azioni passate e arrivare dove non si deve nulla a Dio: è questo che significa dare tutto il proprio cuore e tutta la propria forza” (“Come risolvere il problema della negligenza e della superficialità” in Registrazione dei discorsi di Cristo). “Se hai un atteggiamento corretto nell’affrontare la verità, se sei incline ad accettarla e assumi un atteggiamento umile, anche se sei di scarsa levatura, Dio ti illuminerà e ti permetterà di ottenere qualcosa. Se sei di buona levatura, ma sei sempre arrogante, se pensi costantemente di avere ragione e sei sempre restio ad accettare qualunque cosa dicano gli altri e opponi perennemente resistenza, Dio non opererà dentro di te. Dirà che la tua indole è cattiva e che sei indegno di ricevere qualunque cosa, e addirittura ti porterà via ciò che avevi una volta. È questo che si intende per smascheramento” (“Solo se si pratica la verità si può possedere un’umanità normale” in Registrazione dei discorsi di Cristo). La sorella ha commentato: “Le parole di Dio mostrano che l’atteggiamento con cui eseguiamo il nostro dovere è davvero importante, è fondamentale. Se abbiamo la mentalità giusta, se riusciamo a mettere tutto il nostro cuore e la nostra energia nel compiere il nostro dovere, Dio lo vedrà e ci tratterà secondo il nostro atteggiamento verso i nostri compiti. Anche se la nostra levatura è inadeguata, Dio ci illuminerà e ci guiderà comunque. Se non abbiamo la mentalità giusta, se non siamo disposti a pagare un prezzo e a collaborare con Dio, allora non solo non svolgeremo il nostro dovere in modo appropriato, ma saremo anche rifiutati da Dio. Se osserviamo i fratelli e le sorelle attorno a noi attraverso le parole di Dio, vediamo che alcuni hanno una levatura ordinaria, ma possiedono la giusta motivazione nel compiere il proprio dovere; di fronte alle difficoltà, si assumono la responsabilità di cercare la verità e si concentrano sull’accesso ai principi, e diventano sempre più efficienti nello svolgere i loro compiti. Invece, vi sono alcuni fratelli e sorelle che ci sembrano possedere una levatura particolarmente buona e che hanno una comprensione pura delle parole di Dio, ma, poiché sono presuntuosi, soddisfatti di sé stessi, non ascoltano i consigli degli altri e prendono la gloria di Dio per sé ogni volta che ottengono un piccolo successo nello svolgere il proprio dovere, alla fine costoro perdono l’opera dello Spirito Santo. Alcuni addirittura intralciano il lavoro della Chiesa e vengono privati della loro idoneità a svolgere i propri compiti; nei casi più gravi, sono persino espulsi dalla Chiesa. Queste circostanze ci dimostrano che il fatto che la levatura di una persona sia buona o inadeguata non determina se tale persona viene lodata da Dio; essenziale è se persegue o meno la verità”. Dopodiché, i fratelli e le sorelle hanno attinto alle proprie esperienze per parlare dei pericoli e delle conseguenze di definire sé stessi secondo le proprie nozioni e fantasie. Solo allora ho capito quanto fosse sciocco non comprendere la verità; io non avevo cercato la verità, ma avevo invece definito me stessa come una persona di levatura inadeguata vivendo nelle mie nozioni e fantasie, fino al punto che spesso scaricavo i compiti difficili sugli altri. Non avevo cercato di migliorare, né avevo fatto affidamento su Dio o pagato davvero un prezzo per superare queste barriere che mi avevano persino reso inetta a svolgere i compiti di cui ero capace. Non solo non riuscivo a formarmi realmente o a crescere nella verità e nella vita, ma questo mio atteggiamento influenzava direttamente la mia efficienza nell’eseguire il mio dovere. Ho pensato a quanto velocemente la sorella con cui lavoravo fosse in grado di individuare i problemi. Anche se questa sua qualità era ascrivibile alla sua intrinseca levatura, più importante era che, grazie al suo atteggiamento coscienzioso e responsabile nei confronti del proprio dovere, lei riusciva a fare affidamento su Dio e ad affrontare a testa alta le difficoltà che incontrava. Solo allora veniva illuminata e ispirata dallo Spirito Santo. Io, al contrario, cercavo di evitare i problemi quando li incontravo, e usavo la mia levatura inadeguata come scusa per stare fuori dai guai. Non facevo affidamento su Dio e non mi prendevo la briga di tentare di risolvere il problema cercando la relativa verità, il che significava che non potevo guadagnare l’opera dello Spirito Santo. Da ciò ho compreso che Dio è giusto e corretto verso tutti. Grazie alla condivisione, ho riconosciuto anche che Dio ci chiede di agire in base a ciò di cui siamo capaci. Non è da Lui spingere a compiere azioni al di là delle proprie capacità. Dovevo fare la cosa giusta da sola; invece di prestare attenzione alla mia levatura, dovevo concentrarmi solo sul convogliare tutte le mie energie nel compiere il mio dovere. Dovevo ricercare e contemplare i principi della verità, imparare dai punti di forza degli altri, ascoltare i loro consigli e incorporarli in ciò che effettivamente facevo e, col tempo, ne avrei di certo tratto beneficio e crescita personale.

In seguito, le critiche della sorella hanno cominciato a risuonare nelle mie orecchie: “Non so cosa ti spinga a ripetere sempre quanto la tua levatura sia inadeguata”. Aveva ragione: ero sempre svelta a dire che la mia levatura era inadeguata. Quali motivazioni e quale indole corrotta mi condizionavano segretamente?

Un giorno ho letto queste parole da una condivisione: “Coloro che dicono sempre agli altri di essere corrotti, di essere ignoranti e sciocchi, insensibili e ottusi, di scarsa levatura non parlano delle reali motivazioni e dell’inganno che si nasconde nei loro cuori; essi nascondono queste malvagie motivazioni e usano la loro corruzione, stupidità e ignoranza come una protezione, uno scudo. Nessuno è più scaltro di queste persone, nessuno è più bravo a fingere, a compiere azioni per far credere agli altri di essere buono, di conoscere sé stesso, di essere umile, schietto e aperto. Questo è uno spettacolo per gli altri; in verità, tali persone sono infide e astute ipocrite […]” (La condivisione del Fratello). Solo quando ho letto questa condivisione mi sono resa conto che il mio parlare sempre della mia scarsa levatura era, in realtà, un comportamento guidato dalla mia natura subdola e che dentro di me si nascondevano malvagie motivazioni. Per esempio, di fronte a un compito che non avevo mai svolto in precedenza, la prima cosa che facevo era comunicare agli altri fratelli e sorelle che la mia levatura era scarsa, perché temevo che avrebbero avuto una scarsa considerazione di me se avessi eseguito male il compito. Mi comportavo in tal modo per il mio orgoglio e per amore della mia posizione. Il concetto implicito era: “Non è colpa mia se lo svolgo male; non è che non vi abbia messo tutte le mie energie, ma che è al di là della mia levatura”. Ogni volta che incontravo una difficoltà nell’eseguire il mio dovere, non ero disposta a soffrire e a pagare un prezzo per affrontarla a testa alta. Avevo anche paura delle responsabilità. Così, usavo la mia scarsa levatura come scusa per scaricare i miei doveri su qualcun altro, per far credere di essere razionale e consapevole di me stessa. Quasi ogni volta che incontravo difficoltà e dovevo pagare un prezzo o dovevo assumermi qualche responsabilità, mi tiravo indietro. In realtà, vivevo secondo la satanica filosofia relazionale del “taci per proteggerti e cerca solo di sottrarti alle critiche”. Sembrava un atteggiamento piuttosto scaltro: usare i miei mezzi subdoli per evitare la responsabilità, ma, in realtà, avevo perso molte opportunità di ricercare e comprendere la verità. In effetti, la levatura che Dio assegna a ciascuno di noi è adatta allo scopo da perseguire; eppure io non avevo messo tutto il mio cuore e le mie energie nel cooperare con Lui sulla base di ciò che ero capace di raggiungere, per ottenere l’opera dello Spirito Santo e migliorare la mia levatura; invece, usavo sempre la mia scarsa levatura come scusa per non praticare la verità, per cercare di raggirare e ingannare Dio. Non è un comportamento furbesco e malvagio? E come potevo essere guidata da Dio in questo modo?

Le parole di Dio dicono: “Apprezzo moltissimo coloro che non sospettano degli altri e Mi piacciono moltissimo anche coloro che accettano prontamente la verità; ho grande riguardo per questi due tipi di uomini, perché ai Miei occhi sono onesti” (“Come conoscere il Dio sulla terra” in La Parola appare nella carne). “Passiamo alla riga successiva: ‘Benché la mia levatura sia scarsa, ho un cuore onesto’. Quando sente queste parole, la maggior parte delle persone si rasserena, vero? Tale questione implica le prescrizioni di Dio per gli uomini. Quali prescrizioni? Se le persone mancano di levatura, non è la fine del mondo, ma devono possedere un cuore onesto e così riusciranno a ricevere la lode di Dio. A prescindere dalla tua situazione, devi essere una persona onesta, parlare onestamente, agire onestamente, essere in grado di adempiere al tuo dovere con tutto il cuore e tutta la mente, essere fedele, evitare di sottrarti al tuo lavoro, di essere scaltro o falso, di essere furbo, di provare a superare gli altri in astuzia o di parlare inutilmente; devi essere una persona che ama e cerca la verità. […] Dici: ‘La mia levatura è scarsa, ma ho un cuore onesto’. Quando ti tocca un dovere, tuttavia, temi che possa essere estenuante o di non riuscire a svolgerlo bene, perciò trovi dei pretesti per evitarlo. Questa è l’espressione di una persona onesta? Chiaramente no. Come dovrebbe comportarsi una persona onesta? Dovrebbe accettare e obbedire, e poi dedicarsi totalmente a fare il suo dovere al meglio delle sue capacità, sforzandosi di soddisfare la volontà di Dio. Perché fare questo? Qui ci sono diversi aspetti dell’espressione. Uno è il fatto che dovresti accettare il tuo dovere con un cuore onesto e sincero, non pensare a nient’altro e non essere indeciso, tramando nel tuo interesse. Questa è un’espressione di onestà. Un altro aspetto è che dovresti usare tutta la tua forza e tutto il tuo cuore, dicendo: ‘Rivelerò a Dio il mio tutto. È tutto ciò che posso fare; lo impiegherò fino in fondo e lo dedicherò completamente a Dio’. Dedichi tutto ciò che hai e che sai fare: questa è un’espressione di onestà” (“Solo una persona sincera può essere veramente felice” in Registrazione dei discorsi di Cristo). Le parole di Dio mi hanno offerto una via per praticare: a Lui non importa se la levatura delle persone è buona o inadeguata; essenziale è che esse abbiano un cuore onesto, che sappiano accettare la verità e metterla in pratica. Anche se la mia levatura è scarsa e sono un po’ più lenta nel comprendere la verità e a volte seguo la dottrina, se il mio cuore è onesto e perseguo costantemente la verità per cambiare la mia indole corrotta mentre svolgo il mio dovere, se faccio tutto quel che posso per portare a termine ciò che Dio richiede, allora riceverò la Sua guida e le Sue benedizioni e riuscirò gradualmente a comprendere la verità. Accedendo alla verità, riuscirò a sopperire alle mie carenze per quanto riguarda la mia scarsa levatura e diventerò sempre più brava a capire e a vedere le cose. Dopo aver compreso la volontà di Dio, ho iniziato a fare affidamento su di Lui per migliorare l’esecuzione del mio dovere. Non scaricavo più sugli altri i compiti che non mi erano chiari, che non avevo capito, ma mi sforzavo di esaminarli e risolverli da sola. Sia ringraziato Dio! Quando praticavo come Dio richiede, anch’io riuscivo a vedere i problemi nel testo e, anche se c’erano momenti in cui questioni relativamente complesse mi rimanevano poco chiare, cercando i principi della verità con i fratelli e le sorelle, esse mi risultavano gradualmente evidenti e io mi sentivo più leggera e più sollevata quando eseguivo il mio dovere.

Grazie all’esperienza vissuta nell’ambiente predisposto per me da Dio, ho acquistato una qualche conoscenza della mia corruzione e dei miei limiti, e mi sono resa conto di come affrontare i problemi legati alla mia levatura. Quando in passato svolgevo il mio dovere, non mi concentravo sulla ricerca della verità, né cercavo di affrontare la mia indole corrotta. Guardavo sempre alle cose attraverso le mie nozioni e fantasie, e ciò mi induceva spesso a definirmi in un certo modo e a cercare di tirarmi fuori dagli impicci sostenendo che la mia levatura era scarsa. L’esecuzione dei miei compiti era piena di trascuratezza, ostacolavo il lavoro della Chiesa e io ne pativo un danno nella mia stessa vita. Ora capisco che la levatura di ciascuno di noi è prestabilita da Dio e fa parte delle Sue gloriose intenzioni. Non dovrei sentirmi condizionata dal fatto che la mia levatura sia buona o inadeguata. In futuro, proverò a ricercare la verità in tutte le cose, ad agire secondo principi e a essere una persona onesta per compiacere Dio.

Contenuti correlati

  • Uscire dalla confusione

    Dieci anni fa, guidata dalla mia natura arrogante, non ero mai in grado di obbedire completamente alle disposizioni della chiesa. Obbedivo se queste mi si confacevano, altrimenti sceglievo se obbedire o meno. Questo provocò, nell’esecuzione del mio compito

  • Mettersi sul cammino della fede in Dio

    Ho bisogno di metterci un maggiore impegno. Così, quando la casa di Dio mi dette da trascrivere dei documenti, reagii in modo attivo. Non ebbi paura delle difficoltà e decisi di non trovare un partner o un lavoro, così da meritarmi la benedizione di essere un primogenito.

  • I miei princìpi di vita mi hanno danneggiata

    Ti ringrazio Dio per la Tua rivelazione e illuminazione, che mi hanno consentito di capire che l’assioma di Satana “I bravi ragazzi finiscono ultimi” altro non è che un inganno utilizzato da Satana per fare il lavaggio del cervello all’umanità e corromperla.

  • Una rinascita

    Sono nato in una famiglia rurale impoverita e di mentalità arretrata. Fin dalla giovane età ero presuntuoso, e il mio desiderio di prestigio era particolarmente intenso. Col tempo, tramite l’influenza sociale e un’educazione tradizionale, accolsi nel mio cuore ogni sorta di regole sataniche per la sopravvivenza.