Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Placata la tempesta del divorzio

14

di Lu Xi, Giappone

Nel 2015 un mio amico mi ha trasmesso la fede in Dio Onnipotente. Dopo avere accolto l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni, ho divorato famelicamente la parola di Dio, attraverso cui sono giunta a capire molti misteri della verità che in precedenza non conoscevo, fra cui: la suddivisione in tre fasi dell’opera di Dio per salvare l’umanità, il modo in cui Dio compie la Sua opera in ogni fase, la connessione fra le tre fasi dell’opera, il significato dell’incarnazione e il motivo per cui Dio deve incarnarSi. Tutto questo mi ha fatto capire con certezza ancora maggiore che Dio Onnipotente è il ritorno del Signore Gesù. Poiché avevo la guida delle parole di Dio, non trascorrevo più il tempo guardando la Tv come prima, e mio marito mi ha detto: “Grazie alla tua fede in Dio ti sei messa a leggere; è meglio che guardare tutto il giorno le telenovele coreane. Ne sono davvero contento”. Anche se mio marito non andava alle riunioni, ha sempre creduto nell’esistenza di Dio perché sua madre era credente, e inoltre sosteneva la mia fede in Dio. Di solito, quando dalla parola di Dio acquisivo qualche genere di illuminazione, la condividevo con mio marito, che inoltre guardava con favore la fede. In seguito mio marito si è incuriosito riguardo al motivo per cui io menzionassi sempre “Dio Onnipotente”, mentre sua madre credeva nel Signore Gesù, e così è andato su Internet per scoprire qualcosa sulla Chiesa di Dio Onnipotente. Ma inaspettatamente ha visto che Internet è pieno di dicerie, false testimonianze e bestemmie contro Dio Onnipotente. Ne è rimasto scosso nel profondo e ha cominciato a opporsi alla mia fede in Dio Onnipotente. Poiché avevo letto la parola di Dio Onnipotente e ascoltato le condivisioni e le testimonianze di fratelli e sorelle, nel mio cuore sapevo già con certezza che Dio Onnipotente è l’unico vero Dio e che quelle cose su Internet sono soltanto dicerie e menzogne volte a ingannare le persone. Però mio marito si è lasciato convincere dalle dicerie e non è riuscito a capire la realtà della situazione e, per quanto io cercassi di persuaderlo e di offrirgli una testimonianza dell’opera di Dio degli ultimi giorni, non mi ascoltava.

Dopo un certo periodo, con l’aiuto della sorella Yinghe, che ripetutamente ha offerto a mio marito condivisioni e testimonianze, lui alla fine ha acconsentito con riluttanza a esaminare l’opera di Dio degli ultimi giorni. Però mio marito era influenzato da sua madre e aveva una visione relativamente tradizionale della Bibbia, perciò per risolvere questo suo problema alcune sorelle mi hanno consigliato di guardare con mio marito il filmato evangelico “Svelato il mistero della Bibbia”. Però non gliel’ho proposto. Invece ho agito di mia iniziativa e gli ho fatto vedere il film “Liberarsi dalla trappola”, che rivela come il governo del Partito Comunista Cinese e gli anticristo del mondo religioso si oppongano all’opera di Dio. Dopo aver visto solo una parte del film, mi ha detto: “Il Partito Comunista Cinese è un governo ateo e la Cina è un paese ateo che ha sempre perseguitato i credenti. Sta reprimendo la Chiesa di Dio Onnipotente, e noi siamo deboli, non possiamo opporci alla sua superiorità. E se tornando in Cina fossimo arrestati? Inoltre, su Internet viene detto di tutto, e io non so dire che cosa sia vero e che cosa sia falso. Continuo a ritenere che tu non debba credere in queste cose”. Ho sollecitato mio marito a finire di guardare il film e prendere poi una decisione, ma non ha voluto. Vedendo che io insistevo a conservare la mia fede, una volta mi si è avventato contro con rabbia, dicendo: “Se insisti a credere allora credi, se vuoi farti arrestare allora fatti arrestare. Ma se ti arrestano, non dire che io sono tuo marito! Non sai che in questo momento io sono sotto pressione? Se non credo, temo che questo sia il vero Dio, ma se credo, c’è tutta quella roba su Internet e inoltre correrei il rischio di essere arrestato. Allora a chi devo dare retta?” Vedendo la sofferenza di mio marito a causa di quelle dicerie su Internet, ho capito quanto siano davvero dannose le dicerie e le false testimonianze inventate dal Partito Comunista Cinese. Non solo ostacolano l’accoglimento della vera via da parte delle persone, ma rovinano anche i rapporti familiari. Evidentemente queste persone che inventano dicerie e forniscono false testimonianze sono la progenie del diavolo Satana, pura e semplice!

Un giorno, mio marito è rincasato dal lavoro e ha visto che ero in riunione. Ha subito fatto una faccia scura, poi ha aperto la porta e se n’è andato. È arrivata e passata l’ora di cena, ma ancora non l’ho visto ritornare: non ho potuto evitare di preoccuparmi. Alla fine è rientrato a casa alle otto ma era ancora arrabbiato. Avevo intenzione di preparargli la cena, ma mi ha detto freddamente: “Lascia stare! Visto che non vuoi ascoltarmi e continui a conservare la tua fede, d’ora in poi tieniti fuori dagli affari miei. D’ora in avanti mi occuperò solo delle nostre spese per vivere, e tutto quello che faccio fuori di casa non ti riguarda! Anche se faccio qualcosa che va a scapito di questa famiglia, comunque non è affar tuo!” Sentendo mio marito parlare così, più ci pensavo e più rimanevo sconvolta. Quella notte mi sono rigirata nel letto, incapace di addormentarmi, e nel mio cuore ho pregato continuamente Dio: “Oh, Dio! Mio marito è stato ingannato dalle dicerie e sta cercando di reprimere la mia fede in Te e dice cose davvero crudeli. Che devo fare? Ti prego di indicarmi la via! Non voglio allontanarmi da Te”. La mattina dopo, mi sono all’improvviso ricordata alcune parole di Dio su cui avevamo tenuto una condivisione durante una riunione: “In ogni fase dell’opera che Dio compie dentro le persone, esternamente sembra che si tratti di un’interazione tra le persone, come se tutto nascesse da disposizioni o da interferenze umane. Ma dietro le quinte, ogni fase dell’opera e tutto ciò che accade, è una scommessa fatta da Satana davanti a Dio, una scommessa che richiede che le persone rimangano salde nella loro testimonianza di fede a Dio. Considera quando Giobbe è stato messo alla prova, per esempio: dietro le quinte, Satana stava facendo una scommessa con Dio, e ciò che è accaduto a Giobbe era legato alle azioni degli uomini e alla loro interferenza. Dietro ogni passo che Dio compie dentro di voi, vi è la scommessa di Satana con Dio – dietro ogni cosa vi è una battaglia. […] Quando Dio e Satana combattono nel regno dello spirito, in che modo dovresti soddisfare Dio e in che modo dovresti restare saldo nella tua testimonianza di fede verso di Lui? Dovresti sapere che tutto ciò che ti accade è una grande prova, ed è quello il momento in cui Dio ha bisogno che tu renda testimonianza” (“Solo amare Dio vuol dire credere veramente in Dio” in “La Parola appare nella carne”). Grazie all’illuminazione della parola di Dio mi sono in parte ridestata: durante questo periodo avevo sempre fissato lo sguardo su mio marito, percependo come nel mondo di oggi vi siano tanti imbrogli e raggiri, come ogni luogo trabocchi di menzogne e inganni, specialmente con tutte le menzogne e le false dichiarazioni provenienti dai mezzi di informazione del Partito Comunista Cinese. Ho pensato che chiunque con un po’ di cervello potesse rifletterci un attimo e capire che quelle parole volte ad attaccare, giudicare e condannare Dio Onnipotente fossero tutte menzogne e sciocchezze, da cui non lasciarsi ingannare e confondere. Purtroppo però mio marito credeva alle dicerie che trovava su Internet e io sentivo davvero che non avrebbe dovuto. In quel periodo non riuscivo a cercare al di fuori di me la causa profonda. Era Dio che mi metteva alla prova, sfruttando questa situazione per constatare se la mia fede in Lui fosse sincera o no, per vedere se io fossi in grado di attenermi saldamente alla vera via mentre venivo attaccata da Satana e se fossi in grado di rendere testimonianza a Dio nel pieno di questa prova. Quando ho capito la volontà di Dio, si è dissipata la nebbia che mi avvolgeva il cuore e la mente, e mi sono notevolmente rasserenata.

Il giorno dopo, mentre facevamo colazione, mio marito ancora aveva l’aria cupa e non mi parlava, ma io, avendo la guida delle parole di Dio, non ero più preoccupata o spaventata come il giorno prima. Gli ho detto con calma: “Io credo in Dio e non ho fatto mai niente che andasse a scapito di questa famiglia. Se tu vuoi farlo, sei tu che vuoi essere degenere, non è per via della mia fede in Dio”. Sentendomi dire così, mio marito ha assunto un tono più dolce e ha detto: “Non ho forse detto quelle cose ieri solo perché tu non mi ascoltavi e insistevi a conservare la tua fede?” Dopo di che non ha più detto niente e la tempesta è passata. Sia ringraziato Dio! Sono state le parole di Dio a darmi la forza di trionfare sulle tentazioni di Satana!

Ma le cose belle non durano per sempre. Un mese dopo, mio marito ha ripreso ad andare su Internet a leggere quelle dicerie. Un giorno, ritornando a casa dal lavoro, ha visto che ero seduta al computer e ha cominciato a urlarmi: “Mi pare che tu sia impazzita! Ci ho riflettuto: o rinunci subito alla tua fede oppure dobbiamo divorziare. Ho pensato anche alla questione delle nostre due figlie; puoi tenerle tutte e due, ma immagino che tu non possa rimanere in Giappone, perciò riporta le nostre figlie a Shanghai! Ti lascio il nostro appartamento a Shanghai e ogni mese ti passo 100.000 yen per il mantenimento. E se non vuoi le figlie va bene lo stesso, come preferisci! Ho anche già esaminato la procedura per il divorzio. Ci basta andare dal giudice tutelare e firmare tutti e due un accordo di divorzio, perciò dimmi soltanto che cosa preferisci!” Sentendolo dire tutte queste cose, avevo il cuore che mi palpitava e la testa che mi ronzava. Me ne stavo lì seduta senza riuscire a dire niente e ho perfino dimenticato di pregare Dio. L’unica cosa che riuscissi a pensare era: se divorziamo, che ne sarà delle nostre figlie? Sarebbero potute venire con me, ma io non avevo mezzi finanziari! Se non fossero venute con me, sarebbe stato un vero peccato per loro non avere una madre! E poi c’erano i miei genitori, gli amici e altri parenti; che cosa avrebbero pensato di me? Stare all’estero inizialmente era una cosa meravigliosa, ma se avessimo divorziato, come avrebbero potuto i miei genitori tenere la testa alta davanti agli altri… Perciò non ho dato una risposta a mio marito; gli ho detto soltanto che dovevo pensarci. Sono andata in camera mia e mi sono messa a piangere amaramente. Più pensavo alla mia vita dopo il divorzio, più provavo dolore. Quella notte non sono riuscita a dormire e ho bagnato il cuscino con le mie lacrime. Il giorno dopo, mio marito è uscito per andare al lavoro senza dire una parola, e soltanto allora mi sono presentata davanti a Dio in preghiera, chiedendoGli di trasmettermi maggior forza per consentirmi di trionfare sulla debolezza della carne. Poiché ero in preda alla sofferenza e non sapevo proprio che fare, ho riferito l’accaduto ad alcuni fratelli e sorelle. Tutti mi hanno incoraggiata e consolata, dicendo che stavo affrontando una tentazione di Satana, e mi hanno aiutata a imparare ad affidarmi a Dio. Mi hanno detto che non dovevo perdere la fede né fraintendere Dio. Inoltre hanno condiviso con me le esperienze e le testimonianze di altri fratelli e sorelle e hanno tenuto una condivisione riguardo a come Dio sia Colui che salva l’umanità, e come Satana soltanto ci affligga, ci faccia soffrire e rovini i nostri rapporti con gli altri. E poi mi hanno letto un brano della parola di Dio Onnipotente: “Quando le persone devono ancora essere salvate, le loro vite subiscono le interferenze e addirittura il controllo di Satana. In altri termini, le persone non ancora salvate sono prigioniere di Satana, senza libertà, non sono state abbandonate da Satana, non sono qualificate e non hanno diritto a adorare Dio, e sono inseguite da vicino e crudelmente attaccate da Satana. Tali persone non hanno alcuna felicità, alcun diritto a un’esistenza normale, e inoltre alcuna dignità di cui parlare. Solo se resisti e combatti contro Satana, utilizzando la tua fede in Dio, la tua obbedienza e il timore nei Suoi confronti come armi con le quali combattere una battaglia di vita o di morte contro Satana, in modo tale da sconfiggerlo completamente e che egli se la dia a gambe e diventi un codardo tutte le volte che ti vede, abbandonando completamente i suoi attacchi e le sue accuse contro di te, solo allora sarai salvato e diverrai libero” (“L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in “La Parola appare nella carne”). La parola di Dio mi ha fatto capire che quando non mettevo in pratica la mia fede in Dio vivevo interamente sotto il dominio di Satana, che ero una schiava e un trastullo per Satana. Dopo avere acquisito la mia fede, mi sono sottratta al dominio di Satana e sono ritornata al cospetto di Dio; poiché avevo rinunciato a lui, Satana non era disposto a essere sconfitto, perciò usava mio marito per attaccare i miei punti deboli. Sfruttava il divorzio per costringermi a tradire Dio e a ritornare sotto il suo dominio. Questo era davvero un trucco di Satana. Ero preoccupata di che cosa fare delle figlie dopo il divorzio, di come mi avrebbero giudicata le persone della mia città d’origine e del fatto che i miei genitori non potessero tenere la testa alta davanti ai vicini. Tutti questi pensieri provenivano dagli intralci di Satana, e se io fossi stata dominata da questi pensieri sarei stata dominata da Satana, il che alla fine mi avrebbe indotta ad allontanarmi da Dio o perfino a rinnegarLo e ritornare sotto il dominio di Satana. La mia fede e la mia adorazione del Creatore sono cose del tutto positive, sono la legge del cielo e il principio della terra, e nessuno ha il diritto di interferire, eppure Satana le prova tutte per dominarmi, per spingermi a tradire Dio. Satana è davvero spregevole e odioso! In quel momento ho capito che mi mancava la fede per affrontare da sola le tentazioni di Satana, ma ero disposta ad affidarmi a Dio e a contare sulla guida della Sua parola per intraprendere la via davanti a me, ed ero decisa a rimanere al fianco di Dio e a testimoniarLo; di certo non mi sarei arresa a Satana. Quando mi è venuto in mente tutto questo, il mio cuore inquieto finalmente ha trovato una base solida e la mia sofferenza si è placata.

In seguito, di nuovo alcuni fratelli e sorelle hanno condiviso con me la parola di Dio: “Senza il permesso di Dio, è difficile che Satana tocchi anche una goccia d’acqua o un granello di sabbia sulla terra; senza il permesso di Dio, Satana non è nemmeno libero di spostare le formiche qua e là sulla terra, e tanto meno l’umanità, che è stata creata da Dio. Agli occhi di Dio, Satana è inferiore ai gigli della montagna, agli uccelli che volano in aria, ai pesci del mare e ai vermi della terra. Il suo ruolo in mezzo a tutte le cose è servirle, e lavorare per l’umanità e servire l’opera di Dio e il Suo piano di gestione. Per quanto malevola sia la sua natura e per quanto malvagia la sua sostanza, l’unica cosa che Satana possa fare è attenersi debitamente alla sua funzione: essere al servizio di Dio e fungere da completamento di Dio. Tali sono l’essenza e la posizione di Satana. La sua sostanza è slegata dalla vita, è slegata dalla potenza, è slegata dall’autorità; è solo un giocattolo nelle mani di Dio, solo una macchina al servizio di Dio!” (“Dio Stesso, l’Unico I” in “La Parola appare nella carne”). Dalla parola di Dio sono giunta a capire che l’autorità di Dio è suprema, Dio domina i cieli e la terra e tutte le cose, e tutto ciò che ci riguarda è nelle Sue mani. Anche il mio divorzio e la mia famiglia sono nelle mani di Dio, e senza il permesso di Dio Satana non può fare nulla. Che io divorziassi o no, era tutto sotto la sovranità e la predestinazione di Dio: non era mio marito ad avere l’ultima parola, perciò ero disposta a sottomettermi alla sovranità e ai progetti di Dio. Ho pensato ai non credenti che divorziano. Alcuni lo fanno per soldi, alcuni perché il coniuge ha una relazione, altri perché il rapporto semplicemente si sfascia… Mio marito voleva divorziare da me perché io ho scelto di credere in Dio e di intraprendere la retta via nella vita, ricercare la verità e vivere una vita piena di significato. Tutto questo è onorevole, non vergognoso! In quel momento mi sono venute in mente queste parole di Dio: “La fede è come un ponte di un solo ceppo: coloro che abiettamente si aggrappano alla vita avranno difficoltà ad attraversarlo, ma coloro che sono pronti a sacrificare se stessi possono attraversarlo senza problemi. Se l’uomo nutre pensieri timidi e timorosi, verrà ingannato da Satana. Questi teme che attraversiamo il ponte della fede per entrare in Dio. Satana escogita ogni modo possibile per inviarci i suoi pensieri, noi dovremmo sempre pregare che la luce di Dio splenda su di noi, e dobbiamo sempre confidare in Dio per purificarci dal veleno di Satana. Faremo sempre pratica nel nostro spirito per giungere vicino a Dio. Lasceremo che Dio abbia il dominio su tutto il nostro essere” (Capitolo 6 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”). Di nuovo le parole di Dio mi hanno trasmesso fede e forza, una via da seguire e il coraggio di affrontare mio marito. Giusto: l’unica cosa che potessi fare era gettare al vento la prudenza. Qualunque cosa mi riserbasse il cammino futuro, non poteva esserci nulla di sbagliato nell’intraprendere la via della fede!

Quando quella sera mio marito è rincasato, gli ho detto chiaro e tondo: “Tu non vuoi che io creda in Dio Onnipotente, ma per me è impossibile. Se vuoi divorziare, faremo come dici tu!” Nel sentire queste parole mio marito è rimasto ammutolito dallo stupore e, non avendo altra scelta, ha detto: “A quanto pare non ti tengo più sotto controllo! Su Internet c’è di tutto: se non ti tengo sotto controllo, se poi un giorno ti succede qualcosa, sarei io il responsabile. Sto usando questo divorzio come metodo per minacciarti, ma tu ancora non vuoi rinunciare alla tua fede in Dio. Se ti succede qualcosa per via della tua fede, tua mamma lo saprà, perciò non dare la colpa a me”. Da allora in poi non si è più preoccupato della mia fede in Dio; il nostro rapporto si è miracolosamente ricostruito e lui non ha più parlato di divorzio. Così si è placata la tempesta del divorzio, provocata dalle dicerie del Partito Comunista Cinese.

In seguito c’è stato un momento in cui sia io sia mia figlia minore abbiamo preso un raffreddore. Quel giorno c’era una pioggia lieve, ma mia figlia maggiore doveva andare ad allenamento, così non ho avuto altra scelta che accompagnarla, trascinando il mio corpo esausto assieme alla figlia minore. Quando mio marito è venuto a saperlo, mi ha detto: “Oggi hai fatto tanto. Lu Xi, ultimamente ho notato in te un cambiamento. Sei più affettuosa con le figlie e davvero diligente”. Sentendo queste parole da mio marito, ho ringraziato dal profondo del cuore Dio Onnipotente perché sapevo che le parole di Dio mi avevano trasformata. Con le parole di Dio come fondamento, ho uno scopo nella vita, so che cosa sia la vera umanità e che cosa sia l’indole corrotta. Solo comportandosi secondo la parola di Dio si può vivere la vera umanità. Di conseguenza, non perdo più le staffe a casaccio con le figlie e non vivo più la vita solo per il divertimento. A poco a poco sono giunta a scoprire che anche mio marito è cambiato. Nel passato riteneva sempre di avere ragione, ma adesso nell’affrontare certe questioni sollecitava la mia opinione. Ha perfino offerto agli amici testimonianza dell’autorità e della sovranità di Dio. Vedendo queste cose, ho il cuore colmo di gratitudine. Oh, Dio, Tu sei davvero onnipotente! Le Tue parole sono la nostra forza vitale e, per quanto la forza di Satana sia aggressiva e furiosa, se noi abbiamo le Tue parole a guidarci potremo trionfare su tutte le tentazioni di Satana e vivere pacificamente sotto la Tua cura e la Tua tutela.

Sia ringraziato Dio per avere disposto tutto questo per me e per avermi consentito di sperimentare la Sua parola e di capire molte verità. Con l’esperienza di tali situazioni ho capito che Satana è davvero spregevole, che escogita ogni metodo possibile per indurre le persone ad abbandonare Dio e a diventare sue prede da divorare. Allo stesso tempo ho capito che Dio domina tutte le cose e dispone tutto; senza il permesso di Dio, non importa quanto Satana sia sfrenato. Non potrà fare niente, non potrà realizzare niente; non potrà nemmeno torcerci un capello. Se abbiamo fede e per vivere ci affidiamo alla parola di Dio, saremo in grado di superare il tenebroso influsso di Satana, testimoniare Dio e apportare gloria a Dio! I dati di fatto inoltre dimostrano che le dicerie e le false testimonianze su Internet sono insostenibili. I dati di fatto e il tempo dimostreranno tutto, e alla fine queste dicerie passeranno alla storia come ignominia eterna, proprio come “l’ateismo”, “la teoria dell’evoluzione di Darwin” e “il comunismo”. Diventeranno un segno di vergogna eterna per il Partito Comunista Cinese. Le pecorelle di Dio ascolteranno la Sua voce, per quanto grandi siano gli intralci di Satana; tutti coloro che credono sinceramente in Dio e amano la verità potranno abbandonare l’inganno e i vincoli delle dicerie, presentandosi dinanzi a Dio e venendo conquistati da Lui. Questo perché è ciò che Dio vuole realizzare: nessuna delle forze di Satana può opporsi!

Contenuti correlati

  • Turbamenti causati dalla diceria del “28 maggio” (Parte 1)

    Xingwu, Francia La prima volta che ascoltai quella diceria una nuvola si estese sul mio cuore Mia madre è una cristiana devota. Sin da quando ero abb…

  • Un passo in avanti

    di Fangfang, Cina Nella mia famiglia crediamo tutti nel Signore Gesù. All’interno della nostra Chiesa, io ero solo una semplice credente, mentre mio p…

  • Ho accolto il ritorno del Signore

    Dopo aver ascoltato le parole di Dio e la spiegazione della sorella, mi sentii come se mi fossi risvegliato da un sogno e capii di aver finalmente compreso come distinguere tra il vero Cristo e i falsi cristi. Ciò mi fece sentire felice e vergognare allo stesso tempo; vidi la mia pietosa condizione di persona senza la verità. Pensai al perché avevo ripetutamente rifiutato l’opera di Dio degli ultimi giorni.

  • Aprirsi un varco nella nebbia per vedere la luce

    Sono un semplice lavoratore. Alla fine del novembre del 2013, un collega notò che io e mia moglie facevamo sempre un gran polverone su cose di poco conto e che ogni giorno eravamo preoccupati e in difficoltà; ci trasmise quindi l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni.