Ascoltare la voce di Dio e accogliere il Signore

21 Agosto 2020

di Muguan, Corea del Sud

Dio Onnipotente dice: “Molte persone potrebbero non essere interessate a quello che dico, ma voglio ancora dire ai cosiddetti santi che seguono Gesù: nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità. Coloro che accettano la verità e non cercano segni, essendo stati così purificati, saranno tornati davanti al trono di Dio ed entrati nell’abbraccio del Creatore. Soltanto coloro che insistono nel credere che ‘il Gesù che non giunge su una nuvola bianca è un falso cristo’ saranno soggetti a una punizione perpetua, perché credono soltanto nel Gesù che mostra i segni, ma non riconoscono il Gesù che esprime giudizi severi e rivela la vera via della vita. Pertanto, secondo queste persone, può accadere solo che Gesù tratti con loro quando ritorna apertamente su di una nuvola bianca” (“La Parola appare nella carne”). Le parole di Dio rivelano che il più grande errore dei credenti, nell’accogliere il Signore, è prendere alla lettera le Scritture e attendere che ritorni su una nuvola. Persino quando sentono che è tornato e sta compiendo l’opera di giudizio negli ultimi giorni, non cercano né tentano di ascoltare la voce di Dio. Non immaginano che, per quando il Signore Gesù discenderà su una nuvola, Dio avrà già compiuto l’opera di salvezza. Allora, piangeranno e digrigneranno i denti. È pericoloso ancorarsi alle nozioni senza cercare la verità! Anch’io facevo lo stesso e ho quasi perso l’occasione di accogliere il Signore.

Una volta, predicavo in una Chiesa domestica. Nel 1996, ascoltavo i sermoni altrui perché mi sentivo spiritualmente arida. Ho sentito che il Lampo da Levante testimoniava il ritorno del Signore nella carne, che stava compiendo la Sua opera di giudizio negli ultimi giorni e che alcuni fratelli si erano già uniti al Lampo da Levante. Sbalordita, ho pensato: “Il Signore è tornato? Com’è possibile? La Bibbia dice: ‘Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che vi è stato tolto ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo’ (Atti 1:11). Il Signore dovrebbe giungere su una nuvola nel Suo corpo spirituale risorto. Finora non si è visto un tale fenomeno: come si può dire che sia ritornato? Inoltre, la parte sull’opera di giudizio nella carne è improbabile”. Per questo, evitavo i sermoni del Lampo da Levante.

Un giorno, fratello Wang ha portato nella Chiesa altri predicatori. Secondo lui, i loro sermoni erano illuminati dallo Spirito Santo e ci avrebbero giovato. Tutta elettrizzata, ho invitato gli altri fratelli. Nella riunione, due sorelle hanno condiviso il significato dell’opera di Dio nelle Età della Legge e della Grazia, integrandolo con la Bibbia. Dicevano che viviamo in un circolo vizioso di peccato e confessione, che siamo sudici e indegni di vedere il Signore e che, secondo la Bibbia, Egli ci avrebbe giudicato e purificato negli ultimi giorni per eliminare la nostra natura peccaminosa. Solo così saremo liberi dal peccato e degni del Regno dei Cieli. Il Signore Gesù ha detto: “Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità” (Giovanni 16:12-13). E poi: “Perché Io non sono venuto a giudicare il mondo, ma a salvare il mondo. Chi Mi respinge e non riceve le Mie parole ha chi lo giudica; la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:47-48). In dieci anni di fede, non avevo mai sentito una condivisione del genere. Dovevo saperne di più, allora le ho invitate a casa per approfondire l’argomento. Una mi ha citato questo titolo: “Il rombo dei sette tuoni profetizza che il Vangelo del Regno verrà diffuso nell’intero universo”. Secondo lei, il Signore Gesù era tornato come Dio Onnipotente, Cristo degli ultimi giorni. Sentendo queste parole di Dio, “Il lampo balena dritto da Oriente a Occidente”, ho capito che si trattava del Lampo da Levante. Ero sconvolta e delusa. Com’era possibile? In tanti anni, non avevo mai sentito sermoni così illuminanti. Credevo di aver trovato l’opera dello Spirito Santo e il nutrimento dell’acqua della vita. E, invece, era il Lampo da Levante! Le Scritture riportano che il Signore tornerà nella Sua forma spirituale per condurci direttamente in cielo. Come facevano a parlare di ritorno nella carne? Non aveva senso. Ero stufa di ascoltarle. Se mi fossi lasciata sviare, avrei vanificato tutti quegli anni di fede. Volevo solo che se ne andassero. D’altro canto, frequentandole, avevo notato che vivevano una buona umanità. Era pieno inverno, si gelava ed era mezzanotte passata. Sarebbe stato disumano mandarle via. Li per lì, non sapevo che fare. Mi chiedevo quale fosse la volontà di Dio. Con una scusa, sono andata in camera a pregare il Signore: “O Signore, queste sorelle sono illuminanti nella condivisione, ma ho paura di farmi ingannare. Sono confusa, non so cosa fare. Ti prego, mostrami la via”. Ho ripensato a come il Signore Gesù ci ha insegnato l’amore per gli altri. Non avrebbe accettato che le cacciassi. Allora, le ho fatte restare.

Però, mi facevano sentire inquieta. Non riuscivo a calmarmi. Sapevo che le loro condivisioni illuminanti nascevano dallo Spirito Santo, ma asserire che Dio fosse già ritornato nella carne andava contro le mie nozioni. Dunque, ho pensato di esternare questo dubbio. Ecco cosa ho detto: “Voi testimoniate che il Signore Gesù è tornato nella carne. Tuttavia, io non vi credo. Nella Bibbia è scritto: ‘Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che vi è stato tolto ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo’ (Atti 1:11). Fu il corpo spirituale del Signore ad ascendere, dopo la Sua resurrezione; perciò, Egli farà ritorno su una nuvola nella stessa forma. Come potete dire che è ritornato nella carne?”

È stata sorella Li a rispondere. “Diverse profezie bibliche parlano del Signore che ritorna nella carne. Il Signore Gesù ha detto: ‘Come il lampo esce da levante e si vede fino a ponente, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo’ (Matteo 24:27). ‘Anche voi siate pronti, perché il Figlio dell’uomo verrà nell’ora che non pensate’ (Luca 12:40). ‘Perché com’è il lampo che balenando risplende da una estremità all’altra del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel Suo giorno. Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’ (Luca 17:24-25). Nelle parole di Dio, si menziona ‘il Figlio dell’uomo’ e ‘la venuta del Figlio dell’uomo’. ‘il Figlio dell’uomo’ indica Colui che, nato dall’uomo, è dotato di normale umanità. Nella Sua forma spirituale, non sarebbe definito così. Jahvè Dio è Spirito e non potrebbe essere chiamato ‘il Figlio dell’uomo’. Anche gli angeli, in quanto spiriti, non hanno quel nome. Il Signore Gesù venne chiamato Cristo, il Figlio dell’uomo, perché era Spirito divino incarnato, dotato di una normale umanità. Dunque, quando il Signore Gesù parlava di ‘la venuta del Figlio dell’uomo’ e ‘il Figlio dell’uomo verrà’, si riferiva al ritorno del Signore incarnato negli ultimi giorni”.

Sorella Zhou ha detto: “Il Signore Gesù ha profetizzato il proprio ritorno: ‘Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’, Dio opera nella carne come Figlio dell’uomo negli ultimi giorni. Le persone non Lo riconoscono come Cristo, trattandoLo da persona comune. Chi detesta la verità e non cerca di ascoltare la voce di Dio, ancor più resiste e nega Cristo. Anche il mondo religioso e il regime di Satana Lo condannano e Lo rifiutano. Ciò realizza la profezia: ‘Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’. Se il ritorno negli ultimi giorni del Signore avvenisse in forma spirituale su una nuvola, in tutta la sua gloria, ognuno si prostrerebbe dinanzi a Lui. A quel punto, la profezia si potrebbe avverare?”

Ciò mi ha fatto comprendere che, se il Signore apparisse in forma spirituale negli ultimi giorni, tutti Lo seguirebbero in totale sottomissione. In tal modo, la profezia “Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione”, non si realizzerebbe. Ho pensato al Lampo da Levante, che testimonia il ritorno del Signore Gesù ed è condannato dal mondo religioso e dal PCC. Ciò non compie la profezia del Signore che viene respinto? Dio Onnipotente era davvero il Signore Gesù ritornato? Qualcosa ancora mi sfuggiva. La Bibbia profetizza, sì, la venuta del Figlio dell’uomo, ma il Signore ha anche detto: “Ecco, Egli viene con le nuvole e ogni occhio Lo vedrà; Lo vedranno anche quelli che Lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno lamenti per Lui” (Apocalisse 1:7). Lo trovavo contraddittorio. Così ho palesato i miei dubbi.

E Sorella Li mi ha detto: “Il Signore è fedele. Ecco perché ogni Sua parola si realizzerà. È solo questione di tempo. Le profezie sul Suo ritorno abbondano. Oltre a quella della nuvola, si parla anche di Lui che si fa carne e giunge in segreto. Per esempio, il Signore ha detto: ‘Ecco, Io vengo come un ladro’ (Apocalisse 16:15). ‘Verso mezzanotte si levò un grido: “Ecco lo sposo, uscitegli incontro!”’ (Matteo 25:6). ‘Ma quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno li sa, neppure gli angeli del cielo, neppure il Figlio, ma il Padre solo’ (Matteo 24:36). E anche quando diceva ‘come un ladro’, ‘Verso mezzanotte si levò un grido’ e ‘nessuno li sa’, si riferiva proprio al Suo ritorno in segreto. Negli ultimi giorni, il Signore ricompare in due modi diversi. Egli Si incarna in segreto nel Figlio dell’uomo, ma Si manifesta anche su una nuvola. In altre parole, prima ritorna nella carne di nascosto per giudicare l’umanità con la verità e creare un gruppo di vincitori prima delle catastrofi. Salvata l’umanità in segreto, quando le catastrofi si scateneranno, Egli premierà i buoni, punendo i malvagi. Solo allora Dio si rivelerà a tutte le nazioni e ai popoli e si avvererà la profezia del Signore che appare apertamente”. “Chiunque accetti l’opera di giudizio di Dio Onnipotente e sia purificato dalla corruzione sarà protetto e salvato da Dio ed entrerà nel Suo Regno”. “Invece, chi rifiuta e condanna l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni piangerà e digrignerà i denti, ricevendo la Sua punizione. Allora, si avvererà questa profezia: ‘Ecco, Egli viene con le nuvole e ogni occhio Lo vedrà; Lo vedranno anche quelli che Lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno lamenti per Lui’ (Apocalisse 1:7)”. Poi, mi ha letto queste parole: “Molte persone potrebbero non essere interessate a quello che dico, ma voglio ancora dire ai cosiddetti santi che seguono Gesù: nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità” (“La Parola appare nella carne”).

Mi si sono aperti gli occhi. Il ritorno del Signore avviene per fasi. Prima Si fa carne, parlando e operando in segreto; e poi, ritorna su una nuvola, perché tutti Lo vedano. Le mie nozioni e fantasie mi avevano convinta che si sarebbe compiuta solo la seconda profezia. Mi sbagliavo di grosso. Era ora di rinunciare a quei concetti. Mi è venuto in mente questo: “Perché chiunque chiede riceve; chi cerca trova, e sarà aperto a chi bussa” (Matteo 7:8). Visto che il Signore stava ritornando, dovevo mantenermi timorata di Lui e cercare con serietà. Questa è la Sua volontà. Altrimenti, mi avrebbe eliminata! Poi, ho chiesto alle sorelle: “Se il Signore prima Si fa carne per operare in segreto, come possiamo essere sicuri che Dio Onnipotente sia proprio Lui, Cristo degli ultimi giorni?”

E sorella Li, tutta felice: “Per migliaia di anni, nessuno ha compreso il mistero di cosa sia veramente l’incarnazione di Dio”. “Ora, Dio Onnipotente ce l’ha rivelato”. Poi, mi ha citato questi passi, che vi leggerò. “Il significato dell’incarnazione è che Dio appare nella carne e viene a compiere la Sua opera fra gli uomini della Sua creazione sotto l’aspetto della carne. Così, perché Dio Si possa incarnare, Egli deve prima essere carne, carne dotata di normale umanità; questo è il prerequisito fondamentale. Di fatto, ciò che è implicito nell’incarnazione di Dio è che Egli vive e opera nella carne, Dio nella Sua essenza stessa si fa carne, diventa un uomo”. “Incarnazione significa che lo Spirito di Dio Si fa carne, vale a dire, Dio diventa carne; l’opera che Egli compie nella carne è l’opera dello Spirito, che è realizzata nella carne, espressa dalla carne. Nessuno tranne la carne di Dio può svolgere il ministero del Dio incarnato; vale a dire, solamente la carne incarnata di Dio, questa normale umanità, e nessun’altra può esprimere l’opera divina”. “Il Dio incarnato Si chiama Cristo, e Cristo è la carne assunta dallo Spirito di Dio. Questa carne è diversa da quella di qualunque uomo fatto di carne. Questa differenza esiste perché Cristo non è fatto di carne e di sangue, ma è l’incarnazione dello Spirito. Egli ha sia un’umanità normale sia una divinità completa. La Sua divinità non è posseduta da alcun uomo. La Sua umanità normale sostiene tutte le Sue normali attività nella carne, mentre la Sua divinità svolge l’opera di Dio Stesso”. “Colui che è l’incarnazione di Dio deve avere la Sua sostanza e la Sua espressione. Poiché Dio Si trasforma in carne, compirà l’opera che deve realizzare, e dal momento che Egli Si trasforma in carne, esprimerà ciò che è e sarà in grado di portare la verità all’uomo, dargli la vita e mostrargli la via. La carne che non contiene l’essenza di Dio non rappresenta certamente Dio incarnato: non c’è dubbio. Per esaminare se si tratta dell’incarnazione di Dio, l’uomo deve valutare l’indole che Egli esprime e le parole che pronuncia. In altri termini, il fatto che Egli sia o non sia Dio in carne, e che sia o non sia la vera via, deve essere giudicato dalla Sua essenza. E così, nello stabilire se si tratta[a] di Dio in carne, il punto è prestare attenzione alla Sua sostanza (la Sua opera, le Sue parole, la Sua indole e molto altro), anziché all’apparenza esteriore. Se l’uomo vede soltanto la Sua apparenza esteriore, e trascura la Sua essenza, ciò dimostra la sua ignoranza e la sua ingenuità” (“La Parola appare nella carne”).

Sorella Li ha proseguito: “Cristo, in realtà, è Dio incarnato. È il Suo Spirito rivestito di carne, fattoSi uomo comune, che opera e proferisce parole tra le persone. Dio incarnato sembra uno qualunque. Non è altero né soprannaturale. È dotato di raziocinio ed emozioni come una persona normale. E poi, interagisce con tutti. La differenza è che, oltre alla normale umanità, possiede anche un’essenza divina. Cristo può compiere l’opera di Dio, concludere un’età e avviarne una nuova. La Sua essenza è la verità, la via e la vita”. “Sa esprimere la verità in qualsiasi momento, sostenerci e risolvere i nostri problemi, ma anche indicarci un percorso di pratica. Cristo sa rivelare misteri, mostrare l’indole di Dio, la Sua saggezza e onnipotenza. Le Sue parole sanno compiere ogni cosa. Nessun essere umano ci riuscirebbe”. “Il Signore Gesù aveva un aspetto ordinario, ma un’essenza divina. Con la Sua manifestazione e la Sua opera, ha avviato l’Età della Grazia e concluso l’Età della Legge. Ci ha dato un percorso di pentimento, rimettendo i nostri peccati, e ci ha detto di perdonare settanta volte sette. Egli ha rivelato l’indole misericordiosa di Dio, come anche molti segni e miracoli nel corso della Sua opera: ha guarito gli zoppi e i ciechi, ha placato i mari e resuscitato i morti, ha sfamato le moltitudini con due pesci e cinque pagnotte... Ciò ha rivelato pienamente l’autorità di Dio. L’opera e le parole del Signore Gesù e l’indole da Lui espressa dimostravano al di là di ogni dubbio che era Dio incarnato”. “Solo Dio può esprimere la verità, porre fine a un’età, avviandone un’altra, esprimendo la Sua indole e la Sua saggezza. Nessuno, tranne Dio, può esprimere la verità o ciò che Dio è, né operare per conto Suo. Ecco come si determina se Egli è davvero Dio nella carne, Cristo degli ultimi giorni. La cosa essenziale è analizzare le parole e l’opera di Cristo. Se Egli esprime la verità e l’indole di Dio, compiendo la Sua opera, allora è Dio incarnato. È Cristo”.

Grazie alla sua condivisione, ho capito che Dio incarnato può esprimere la verità e compiere la Sua opera. È verissimo.

Sorella Zhou ha aggiunto: “Non si può sapere se Dio Onnipotente è Dio incarnato solo osservandoLo da fuori. La certezza deriva dalle Sue parole, dalla Sua opera e dalla Sua indole. Negli ultimi giorni, Dio Onnipotente sta compiendo l’opera di giudizio sulla base dell’opera di redenzione del Signore Gesù. Ha concluso l’Età della Grazia e avviato l’Età del Regno. Dio Onnipotente ha proferito milioni di parole, svelando il piano di gestione di 6000 anni di Dio, il mistero della Bibbia e della Sua incarnazione. Ha mostrato come Satana corrompe l’umanità e come Dio la salva, come Dio opera nel giudicare e purificare le persone negli ultimi giorni, come determina la fine e destinazione delle persone secondo la loro risma. Dio Onnipotente esprime la Propria indole, che prima di tutto è giusta, giudicando e smascherando la nostra natura satanica di opposizione a Dio e la nostra indole corrotta. Egli ci allontana dal male, conducendoci alla purificazione”. Sorella Zhou ha anche parlato di come ha sperimentato il giudizio. Ha detto: “Non vedevo la mia corruzione, finché le parole di Dio non mi hanno giudicata, messa alla prova, potata, castigata e trattata. Credevo in Dio Onnipotente, ma Gli ho resistito lo stesso a causa della mia natura corrotta e satanica. Pensate a come mi piaceva mettermi in mostra e farmi ammirare. Spesso rimproveravo gli altri e chiedevo obbedienza, mentivo costantemente per proteggere i miei interessi e così via. Attraverso il giudizio delle parole di Dio, grazie alla Sua giusta indole, in cuor mio ho iniziato a temerLo. Ho iniziato anche a praticare la verità, per eliminare la mia natura satanica. La mia indole è cambiata. Ciò che risulta dalle parole e dall’opera di Dio Onnipotente non basta per essere certi che sia Dio incarnato, Cristo degli ultimi giorni?”

Con quella condivisione, le sorelle mi hanno illuminato. L’unico modo per sapere se Egli è il Figlio dell’uomo, Cristo incarnato, è vedere se sa esprimere le parole e l’indole di Dio, se è in grado di concludere un’età e avviarne una nuova. Dio Onnipotente ha espresso tante verità e sta operando per giudicare e purificare l’umanità. Ha avviato l’Età del Regno e concluso l’Età della Grazia. Sicuramente è Cristo, il Signore ritornato! Non ero mai giunta a questa verità. Scioccamente, attendevo che il Signore tornasse su una nuvola. Sentendo che era tornato, non mi sono preoccupata di approfondire. Stavo perdendo l’occasione di riunirmi con Lui. Che stupida sono stata!

In seguito, ho divorato le parole di Dio Onnipotente e ho appreso molte verità mai capite fino ad allora. Ormai, ero certa che Dio Onnipotente fosse il Signore Gesù ritornato! Ho condiviso l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni con oltre 100 fratelli all’interno della mia cerchia. Quando hanno letto le Sue parole e Ne hanno sentito la voce, si sono commossi fino alle lacrime. Si sono rivolti a Dio Onnipotente, accettandoNe l’opera e hanno partecipato al banchetto dell’Agnello!

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale dice “quanto a”.

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Il giudizio nella famiglia di Dio è cominciato

un giorno, nel febbraio del 2017, conobbi online una sorella. Ascoltando i suoi discorsi sulla sua accettazione della Bibbia, pensai che fossero molto sinceri. Comunicava con grande chiarezza ed io mi sentivo molto felice di aver finalmente trovato una sorella spirituale a me affine. Parlavamo all’infinito. A volte, non ci rendevamo nemmeno conto di aver parlato per tutto il pomeriggio. Non era mai stancante. Al contrario, lo apprezzavo moltissimo perché, ogni volta che ascoltavo i discorsi della sorella, sentivo di trarne un gran giovamento. Un giorno, la sorella mi disse che il Signore era già tornato, che stava pronunciando parole nuove e svolgendo la Sua opera di giudizio a partire dalla famiglia di Dio, il che porta a compimento le seguenti parole del Signore Gesù: “E se uno ode le mie parole e non le osserva, io non lo giudico; perché io non son venuto a giudicare il mondo, ma a salvare il mondo. Chi mi respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunziata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:47-48).

Posta via “piccione”

di Su Jie, Cina Un giorno, nel 1999, finito l’incontro, il pastore mi disse: “Su Jie, c’è una lettera per te”. Appena la vidi, capii che...